Home / Eventi / 20 luglio 1860, LA BATTAGLIA DI MILAZZO CHE NON CI FU…
Italpane

20 luglio 1860, LA BATTAGLIA DI MILAZZO CHE NON CI FU…

4de1c_garibaldi1IN ATTESA DELL’ANNIVERSARIO DI QUELLA CHE FU DECANTATA PER OLTRE UN SECOLO COME LA BATTAGLIA CHE CONSENTI’ DI “LIBERARE” LA SICILIA, ECCO UNA PAGINA DI STORIA TRATTA DAL SITO www.inuovivespri.it IN CUI SI PUO’ LEGGERE CIO’ CHE ACCADDE VERAMENTE NELLA NOSTRA TERRA…

Controstoria dell’impresa dei Mille – La battaglia di Milazzo: un altro vergognoso tradimento, di Manfredi Mosca   

Anche a Milazzo Garibaldi e le sue truppe – circa 8 mila garibaldini – si coprono di ridicolo. Debbono espugnare la fortezza della cittadina che opera con un numero di militari che è meno della metà dei garibaldini. Ma questi ultimi vanno a sbattere, mentre lo stesso eroe dei due mondi sfugge per miracolo alla cattura. A salvare le sorti di Garibaldi e del suo squinternato esercito arriveranno i soliti traditori… Abbiamo lasciato metà dei Mille più Mille a Catania, mentre l’altra metà dei Mille che sono in realtà diventati ottomila (tutti garibaldini, ovviamente, però con le camicia del colore delle divise dell’esercito piemontese), si accinge ad attaccare la fortezza borbonica di Milazzo, difesa da 3 mila e 400 soldati. Garibaldi, che non è abituato a combattere in superiorità numerica (sic!) rischia una clamorosa sconfitta, perché per la prima volta trova pane per i suoi denti.

I soldati borbonici in campo sono determinati a vendere cara la pelle. Sono agli ordini di un vero comandante, il colonnello Ferdinando Beneventano del Bosco. Uno sconsiderato attacco, suggerito all’eroe dei due mondi dalla sproporzione delle forze in campo è respinto con gravissime perdite dai Borbonici. Lo stesso Garibaldi rischia di essere catturato e viene salvato da un tale Missori che in quel momento non aveva di meglio da fare. Ma la cosa è messa male. Ecco puntuali presentarsi Giuda e suo fratello. Il primo è un tale comandante Pironti, che è a capo del resto delle truppe napoletane, asserragliate dentro il Castello di Milazzo e che, nonostante le richieste di Del Bosco, non fa uscire in campo a dare manforte, perché l’imbecille sostiene che, essendo più alto in grado, non prende ordini da Del Bosco. Ma il meglio deve ancora venire, e viene per mare.

La pirofregata Veloce, della Marina borbonica è stata ceduta due giorni prima della battaglia dal suo comandante, Amilcare Anguissola, convinto a tradire dall’Ammiraglio Persano, capo della Marina piemontese che, a sua volta, si coprirà di ignominia nella battaglia navale di Lissa, nella III guerra di Indipendenza. La nave, subito ribattezzata Tukory, è moderna e dotata di un armamento di tutto rispetto. Ben 10 cannoni che cominciano a tempestare i soldati borbonici seguendo le indicazioni da terra di Garibaldi. Le truppe borboniche sono costrette a ritirarsi nella cittadella e successivamente a trattare la resa.

Un ultimo tradimento e la Sicilia sarà finalmente “liberata”…

Rispondi