Home / Sport / A BARCELLONA REALIZZATO UNO DEI MIGLIORI TEMPI AL MONDO!
Italpane

A BARCELLONA REALIZZATO UNO DEI MIGLIORI TEMPI AL MONDO!

massimo rieti 1973MASSIMO SMEDILE, 57 ANNI, NEI 4 KM DI MARCIA SI MIGLIORA ANCORA!

20’35″88: questo è il tempo stabilito dal milazzese Massimo Smedile, durante una prova sulla distanza dei 4 km di marcia sulla pista di atletica leggera di Barcellona P.G. A distanza di un mese dal primo test (in preparazione per il suo ritorno alle gare agonistiche nella categoria OVER 55) nel corso del quale aveva fatto fermare il cronometro, sulla stessa pista, a 21’25”, il nostro portacolori, attuale primatista calabrese sulla 50 Km di marcia, con un record stabilito nel 1984, 31 anni fa, ed ancora imbattuto, è riuscito a scendere sotto il muro dei 21 minuti. Era quello che si era prefissato alla vigilia del test. Il tutto è stato reso possibile da una ritmo abbastanza sostenuto nel primo chilometro, con i primi 400 metri passati in 1’59”; agli 800 segnava 4 minuti e 10 centesimi, mentre il primo passaggio ai mille metri era di 4’59″37. Quando però si è reso conto di andare troppo forte, nonostante le raccomandazioni del suo allenatore (alla sua età non può permettersi, in poco meno di un mese dalla prima prova, di mantenere ritmi vertiginosi) rallentava l’andatura. Il passaggio al 2° chilometro è stato di 10’08″39. Al terzo segnava un ottimo 15’27″23, rallentando ulteriormente l’andatura, e chiudeva in 20’35″88, con l’ultimo chilometro percorso in 5’08″65 e accelerando nuovamente negli ultimi 400 metri, chiusi in 1’56″18.

“Dovrebbe trattarsi di uno dei migliori tempi mondiali della categoria – ha detto stanco ma non tanto alla fine del test – e non escludo ulteriori miglioramenti nelle prossime prove. Mi sembra di essere tornato a 40 anni fa, quando ho incominciato a marciare, ed ero costretto a farlo sulla strada. Eravamo un gruppetto abbastanza motivato, in quegli anni. Non avevamo riferimenti chilometrici, solo una lunga striscia di asfalto realizzata da poco, la riviera di ponente, che collegava Milazzo con Barcellona. Qui ci aspettava l’indimenticabile Nino Alberti, con il quale abbiamo disputato tante gare, tenendo alti i nomi delle nostre due città, Milazzo nella quale siamo nati, Barcellona per la quale abbiamo difeso i colori. Ho contribuito a dare anche un titolo italiano a Milazzo, ed uno a Barcellona. Poi sono stato “richiesto” dal CUS Catania, vincendo nello stesso anno due titoli nazionali, a squadre. E credo di essere l’unico atleta in Italia per avere raggiunto un insolito obiettivo: nella marcia e nella corsa, a squadre! Proprio a Barcellona, dove si disputava l’ultima prova della maratonina, ho voluto prendere parte per portare punti alla mia società, e battere la formazione di Varese. Ci sono riuscito, per la gioia dei miei compagni di squadra e della stessa società che aveva puntato su… un marciatore per vincere un titolo nella corsa!”

Parla a raffica, segno che ha recuperato le energie. In effetti 4 chilometri sono solo un piccolo assaggio, per chi ne percorre decine ogni giorno, di corsa. “Il fatto di essere solo non mi aiuta. Corro e mi tengo in forma, ormai lo faccio dal 1972. Se trovassi alcuni ragazzi da avviare alla marcia, potrei allenarmi con loro...”. Solo che non riuscirebbero a tenere il suo ritmo! Auguri…e appuntamento al prossimo test!

Nella foto in bianco e nero la gara di marcia sui 4 chilometri disputata a Rieti nel 1973, con la maglia della Fiamma Milazzo. Massimo, 14 anni, categoria ragazzi, è in testa. Lo segue Carlo Privitera, n. 127, anche lui Fiamma Milazzo. La squadra milazzese avrebbe vinto il titolo italiano RAGAZZI. 

 

Rispondi