Home / Di tutto un pò / ABBIAMO RICEVUTO UNA LETTERA DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA
Italpane

ABBIAMO RICEVUTO UNA LETTERA DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

LA PUBBLICAMMO SU TERMINAL, EDIZIONE CARTACEA, NEL MESE DI NOVEMBRE 2009. ERA LA TESTIMONIANZA DEL LAVORO CHE LA NOSTRA ASSOCIAZIONE SVOLGEVA CON ORGOGLIO… E NEGLI ANNI FU DATA LA POSSIBILITA’, A DECINE E DECINE DI GIOVANI, DI COLLABORARE CON NOI. 

Quando abbiamo patrocinato la pubblicazione del libro sulla storia del Consiglio Comunale, realizzato da Gino Celebre e da Giovanni Petrungaro, non pensavamo certamente di ricevere un riconoscimento così importante. Solo per esaudire un desiderio fatto ad alta voce della signora Eliana Giorli, vedova di Tindaro La Rosa, abbiamo inviato copia del libro al Presidente della Repubblica, accludendo una lettera della stessa signora Eliana, scritta col cuore all’amico del marito scomparso, compagno di tante battaglie, oggi primo difensore della democrazia e della costituzione repubblicana. Lui, l’on. Giorgio Napolitano, Presidente della Repubblica, mi ha risposto. E questo mi onora personalmente. Mi devo fare portavoce dei suoi saluti alla signora Giorli, che avrò modo di rivedere e riabbracciare, e scambiare con lei quelle parole che servono a crescere in un rapporto di serena amicizia e collaborazione.

Ma come Presidente dell’Associazione Statistici voglio che la mia grande soddisfazione di avere ricevuto una lettera dal Quirinale sia condivisa anche dai due autori, Celebre e Petrungaro, al lavoro per la seconda parte della loro opera, quella che dovrebbe arrivare ai giorni nostri; dalla CELGAS di Milazzo, che da anni ormai patrocina le iniziative della nostra Associazione, incluso TERMINAL e la partecipazione alla Conferenza Nazionale di Statistica all’EUR; dai componenti della mia Associazione, per i quali questo nuovo riconoscimento sarà di stimolo per fare sempre meglio; dall’Amministrazione Comunale, il cui patrimonio editoriale si è arricchito di un’opera che esalta le doti dei primi protagonisti della storia repubblicana in consiglio. E dalla città di Milazzo, che non deve assolutamente dimenticare di essere depositaria di valori e di tradizioni, per riprendere il suo ruolo di guida nel panorama politico, sociale e culturale dell’intera provincia e anche fuori. Grazie.

Santino Smedili

Da TERMINAL, novembre 2009.

 

Rispondi