Home / Comunicati / ACQUA A CIANTRO, UN COMUNICATO STAMPA DEL MOVIMENTO NEOBORBONICO!
Italpane

ACQUA A CIANTRO, UN COMUNICATO STAMPA DEL MOVIMENTO NEOBORBONICO!

GIOCANDO D’ANTICIPO E SPIAZZANDO I PARTITI TRADIZIONALI, IL MOVIMENTO NEOBORBONICO (CHE CONTEREBBE ASSOCIATI ANCHE A MILAZZO, OLTRE CHE IN PROVINCIA, IN SICILIA E IN TUTTA ITALIA) PRENDE POSIZIONE CON UN COMUNICATO STAMPA STIGMATIZZANDO IL COMPORTAMENTO DELL’AMMINISTRAZIONE COMUNALE E CHIEDENDONE LE DIMISSIONI!

Da oltre dieci giorni i residenti del popoloso triangolo Ciantro – De Gregorio – San Paolino non sono in condizione di utilizzare l’acqua che viene erogata dall’acquedotto comunale.

E da oltre dieci giorni nessuna notizia viene data ai cittadini, costretti a ricorrere alle bottiglie di minerale per farne l’uso più congeniale.

Si brancola nel buio, effettuando analisi di laboratorio che non fanno altro che dichiarare la NON POTABILITA’ DELL’ACQUA, ma evitando di dire chiaramente a chi non comprende termini tecnici e scientifici che nelle tubazioni scorrono, assieme all’acqua, anche tracce di urine e di merda!

Ci troviamo di fronte a due certezze, in questa situazione: la prima è la mancanza di un provvedimento comunale che possa essere di aiuto: l’invio di un’autobotte che rifornisca quotidianamente chi deve sopportare, senza sapere a chi rivolgersi, questo disagio!

La seconda, politicamente più grave, è l’assoluta incapacità di un’amministrazione comunale a fornire risposte adeguate ai suoi elettori! Mentre il Sindaco, ignorando il suo ruolo principale, non può scaricarsi la coscienza con una ordinanza che vieta l’utilizzo dell’acqua in quella zona, ma deve rendersi conto che i cittadini, privati del bene indispensabile per la vita quotidiana, possono anche essere soggetti a problemi di carattere igienico sanitario! E in questo caso il suo ruolo principale è quello di MASSIMA AUTORITA’ SANITARIA!

Il MOVIMENTO NEOBORBONICO non può accettare che la città di Milazzo sia in mano ad incapaci, che forti del consenso popolare ottenuto due anni fa continuano a gestire la cosa pubblica con approssimazione e senza alcuna competenza. E fino a quando la città non solleverà la testa per liberarsi da questa tirannia e dal dispotico potere oligarchico che gestisce il Comune sarà costretta a subire ancora per tre anni le angherie che fino ad oggi si sono manifestate con aumenti di tasse e tributi, errori a ripetizioni nella gestione della viabilità, chiusure incondizionate del traffico, decisioni irresponsabili da tutti contestate, ostinato menefreghismo nei confronti dei problemi più gravi dei cittadini, privati persino dei loro diritti basilari.

Il MOVIMENTO NEOBORBONICO rivolge un appello a tutte le forze politiche presenti in CONSIGLIO COMUNALE. L’unica salvezza per la città è la mozione di sfiducia ad un Sindaco che ha tradito e deluso i suoi elettori. Che si torni alle urne con urgenza. Il prossimo Sindaco avrà il compito non certamente facile di fare risorgere una città: ma non si può attendere ancora TRE ANNI prima di tornare a scegliere chi dovrà amministrare Milazzo! Prima si manda a casa l’attuale amministrazione e minori saranno i danni causati alla città.

 

1 Commento

  1. Me nanna diceva....

    …A lavare la testa all’asino si perde l’acqua e pure il sapone. Me nanna diceva pure:” tempu persu e filu cassariatu”. Questi sconsiderati, oltre ad essere tali, nella migliore tradizione tipica da “buon’anima” girano con la maglietta con su scritto: “ME NE FREGO!”

Rispondi