Home / Sport / ADDIO A PIERINO SMEDILE, EX ALLENATORE DELLA LIBERTAS,
Italpane

ADDIO A PIERINO SMEDILE, EX ALLENATORE DELLA LIBERTAS,

PIERINO-SMEDILEUNA PARTENZA IMPROVVISA, CHE LASCIA ATTONITI E SENZA PAROLE. 

Come ex alunno del Liceo Impallomeni, e ne era orgoglioso, Pierino Smedile ha pensato bene di collaborare attivamente con TERMINAL fornendo al giornale le foto che avrebbero fatto felici tantissimi milazzesi. E noi abbiamo voluto pubblicare, prima sul foglio stampato e poi sul sito, quel materiale difficilmente reperibile che ha permesso a tanti lettori di riconoscere le vecchie glorie del calcio di ieri. Foto di un passato lontano, in cui lui, il nostro Pierino, andato via per sempre lasciando senza parole chi lo conosceva e gli voleva bene, era rappresentato in abiti borghesi, accanto ai suoi giocatori. Lui era l’allenatore, perchè così si chiamava colui che aveva il compito di preparare i giocatori: qualcosa in più del “mister” con cui oggi si definisce chi ha questo compito. PIERINO DUEL’allenatore era l’amico di tutti, in campo e fuori; a lui ci si poteva rivolgere in qualsiasi momento, senza timori e senza nascondere nulla. Era il padre, per molti ragazzini che si avvicinavano al calcio, era il fratello maggiore, era il compagno di classe, era l’amico di tante avventure. Era la persona che, in ogni caso, insegnava ed educava, integrando i valori che venivano trasmessi dalle famiglie di allora, ed un rimprovero non dava il via a contestazioni o rivendicazioni. Ecco, questo era Pierino Smedile. E dubito che qualcuno possa affermare il contrario, fra tutti coloro che lo hanno conosciuto e da lui sono stati preparati, allenati, o semplicemente gettati nella mischia, in quel mondo meraviglioso che è il calcio. LIBERTAS-IN-CAMPO (1)Allenatore, non MISTER, della Libertas Nino Ferrara di Mimmo Di Meo, a lui fraternamente legato, così come era legato a tutti coloro che fecero grande quella società che in tempi non molto lontani tenne alto il nome di Milazzo sportiva. Ci sono rimaste le sue foto, consegnate a Terminal, e già pubblicate, come patrimonio indissolubile di chi lo ha conosciuto e ha seguito i suoi insegnamenti; mentre a noi è rimasto un unico grande rimpianto: non avergli potuto consegnare quel PREMIO TERMINAL SPORT con la quale la Commissione aveva stabilito di gratificarlo, in questo 2016. Lo faremo alla memoria, anche se non sarà lo stesso: ci mancherà, in quella sede. CASTELLO 1992E con lui mancheranno la sua spontaneità, il suo umorismo, la sua straordinaria inventiva, quella fraterna amicizia che superava limiti e non poneva vincoli all’età. Ci mancherà un amico, un vecchio compagno di scuola, un collaboratore, un testimone dei nostri tempi. Addio, Pierino. Rivedendo le foto, noto che altri amici ti aspettano lassù… e sono convinto che ti hanno accolto festosamente con un abbraccio. Addio…  

Rispondi