Home / Un saluto agli amici... / ADDIO AL SIGNOR VENTO… QUELLO DEI MOBILI!
Italpane

ADDIO AL SIGNOR VENTO… QUELLO DEI MOBILI!

SI E’ SPENTO NEL POMERIGGIO DI SABATO, ALL’ETA’ DI 91 ANNI. I FUNERALI DOMANI, LUNEDI’ 10 APRILE, ALLE 15.30 AL SACRO CUORE.

Un nome sul necrologio, Santo Vento… La foto toglie ogni dubbio: è proprio il signor Vento, “quello” dei mobili. Prima ancora di leggere l’annuncio, il ricordo va indietro nel tempo, e ci restituisce una persona giovane, forte, vigorosa. Lo rivediamo in quel negozio di via Col. Magistri, gestito per circa mezzo secolo da lui e dai suoi fratelli, con passione e tanta competenza. E in quello negozio ci pare di incontrare una giovanissima Graziella, segretaria preziosa e fidatissima; e Saruccio, che loro stessi amarono come un figlio. 

Il signor Vento riporta alla mente i momenti più belli della nostra infanzia, dell’adolescenza, della giovinezza. Impossibile, un tempo, scegliere una camera da letto, una camera da pranzo, una cucina, senza interpellare i Fratelli Vento! Marchi prestigiosi, consigli spassionati e amichevoli che lui stesso dispensava, con competenza, privilegiando il rapporto umano, la vecchia amicizia con i genitori, la stima che si rafforzava uscendo dopo aver perfezionato un acquisto, spesso pagato in comode rate, senza ricorrere a prestiti, ma onorando gli impegni presi fra persone perbene, con una stretta di mano ed un sorriso. A casa dei miei c’è ancora una cucina, con il suo tipico sviluppo per tutta la parete, acquistata nel 1969: intatta, ben tenuta, solida anche se lo stile tradisce i suoi anni. A casa mia un soggiorno, in noce, attualissimo e pregiato; e fino a qualche anno fa, la stanzetta che accompagnò mia figlia, dal suo primo compleanno fino al giorno in cui si formò la sua famiglia… E chissà quante case, a Milazzo e nel circondario, sono state arredate dai mobili dei Fratelli Vento…

Il signor Vento era rimasto solo da qualche anno, dopo la scomparsa della moglie. I figli Maria, compagna di classe alle Medie, Stefano, Gaetano, Nino, Pina, Daniela, e i numerosi nipoti, hanno continuato ad assisterlo, in quella stessa casa nella quale aveva passato oltre la metà della sua esistenza, crescendoli e trasmettendo loro valori indissolubili: amicizia, rispetto, onesta, laboriosità, ma soprattutto una grande fede in Dio. E, in tutti loro, ha stampato il suo sorriso tipico, il carattere gioviale e sincero, riscontrato anche nei fratelli e nei loro discendenti…

E’ andato via prima della Pasqua, il signor Vento. Qualcuno lassù lo aspettava, sicuramente. E lui, scrupoloso e puntuale, come in tutte le cose che aveva fatto nella sua lunga vita, non voleva che aspettasse ancora… Sì, forse è andata proprio così…

Addio, signor Vento. Siamo certi che è andata così… lo vediamo dal suo sorriso. Il solito. Quello di sempre!

 

Rispondi