Home / Eventi / ADMO MILAZZO, PROSEGUE LA MARCIA DE MONS GIBEL 2017
Italpane

ADMO MILAZZO, PROSEGUE LA MARCIA DE MONS GIBEL 2017

L’INIZIATIVA, PARTITA LO SCORSO 29 AGOSTO DA RANDAZZO, DENOMINATA QUEST’ANNO “MONS GIBEL 2017 … PER ADMO E MANFREDI SALEMME”, CONTINUA NEL SUO AVVICINAMENTO A MILAZZO, DOVE ARRIVERA’ IL PROSSIMO 29 SETTEMBRE

CHE COS’E’ L’ADMO: L‘ADMO (Associazione Donatori di Midollo Osseo) è stata fondata nel 1990 a Milano da Renato Picardi. Ha lo scopo di raccogliere le disponibilità dei donatori, oltre a quella di far conoscere al pubblico la possibilità di curare malattie quali la leucemia e le neoplasie del sangue tramite il trapianto di midollo osseo. In particolare la donazione avviene tramite il prelievo di cellule staminali ematopoietiche, ossia di cellule che hanno la capacità di differenziarsi e, infine, di produrre le cellule che costituiscono il sangue. Sebbene la probabilità di trovare un donatore “geneticamente” compatibile sia molto più elevata tra consanguinei che tra sconosciuti, la tipizzazione di un gran numero di potenziali donatori rende possibile il successo della ricerca della compatibilità anche con persone non imparentate.

L’associazione collabora con il Registro italiano donatori midollo osseo presso l’ospedale Galliera di Genova che, collegato ad analoghi registri di altri 39 paesi, permette la ricerca di potenziali donatori al di fuori del territorio nazionale. Ovviamente questo collegamento permette anche di trovare donatori italiani per malati stranieri. Una volta accertata la compatibilità del donatore con un paziente ricevente il prelievo può avvenire in due modi:

  • prelievo di sangue midollare dalla creste iliache superiori;
  • raccolta dal sangue delle cellule staminali ematopoietiche attraverso separazione.

La scelta del metodo di donazione dipende dalle necessità del paziente e, naturalmente, dalla disponibilità del donatore.

L’Evento internazionale di Trekking “Mons Gibel 2017 …per ADMO e Manfredi Salemme” è partito da Randazzo, lo scorso 29 agosto, e percorrendo i principali crinali montuosi siciliani, sui sentieri millenari percorsi già dalle legioni romane e dalla moltitudine di pellegrini e viandanti, si avvicina a Milazzo. Arriverà nella nostra città il prossimo 29 settembre, al Capo. Durante le loro tappe i camminatori, infaticabili, partecipanti a questa ennesima iniziativa, alternano i momenti di fatica a quelli, emozionanti, di intrattenimento dei cittadini che non assistono impassibili alla marcia, ma si chiedono il perchè. Ecco che allora vengono spiegati i motivi, facendo leva sulla sensibilità di chi ascolta, disposto a partecipare alle conferenze divulgative sulla donazione del Midollo Osseo e cellule staminali. Abbiamo ricevuto delle immagini che riprendono i volontari dell’ADMO durante il loro lungo tragitto, e ci siamo fermati a riflettere su un percorso fatto tante volte, in anni lontani, da chi si recava al Tindari, quando ancora non era stato edificato il Santuario, per devozione nei confronti della Madonna Nera: la coda della volpe, in dialetto ‘A CUDA ‘A VUPPI! Una devozione centenaria, aggiungiamo noi, da anni soppiantata da percorsi più comodi e meno impegnativi, sicuri di giungere alla meta senza faticare troppo e di chiedere la grazia alla Madonna, o recitare soltanto una preghiera… Anni lontani, amici. Che rivivono in questi marciatori per i quali l’obiettivo è solo la sensibilizzazione e l’acquisizione di nuovi donatori, sparsi su tutto il territorio. Dopo le tappe di Mongiove, Tonnarella, Fiumedinisi, Posto Leoni, Fiumara di Santa Venera, Piano Margi, Castroreale, dove è programmata una Conferenza presso il locale “Piccolo Museo della Moto” nella giornata del 27 settembre, e l’arrivo a Capo Milazzo il prossimo 29, il 1° ottobre, in occasione della Festa dello Sport organizzata dal Movimento Sportivi Milazzesi, una rappresentanza dei protagonisti dell’Evento, sarà presente presso il gazebo di ADMO Milazzo per raccontare l’esperienza vissuta. Nella bacheca dell’Evento verranno messe note illustrative del percorso, delle varie tappe e conferenze; nonchè tutte le foto di questa nuova edizione di Mons Gibel. Il tutto in un alternarsi di camminatori che isseranno in alto la bandiera di ADMO, anche in ricordo del suo Testimonial Manfredi Salemme, compianto, ma non dimenticato ideatore di “Mons Gibel”, al quale è intitolata la Sezione Milazzese dell’Associazione Donatori di Midollo Osseo.

MANFREDI SALEMME sapeva che sarebbe successo. E sapeva che sarebbe stato più prima che poi… Ma nonostante il suo precario stato di salute, alla fine di luglio del 2014 aveva accettato l’invito di ADMO: pronto a partire, dalla Sicilia alla volta dell’Abruzzo. E i volontari l’avevano accolto a braccia aperte, ospite dell’evento organizzato a Barrea. Perché Manfredi Salemme era così. Per ADMO ha percorso migliaia di chilometri a piedi, in Italia (con l’iniziativa Mons Gibel) e all’estero. E a ogni tappa, chiunque incontrasse per Manfredi erano sempre il luogo e il momento giusti per parlare di donazione del midollo osseo. Gli amici dell’ADMO rinnovano ogni anno il loro impegno, nel nome di Manfredi, vecchio amico rimasto nei cuori di tutti coloro che lo conoscevano e lo ammiravano.

 

 

Rispondi