Home / Società / ALTRO CHE ISIS: I TERRORISTI SONO QUI!
Italpane

ALTRO CHE ISIS: I TERRORISTI SONO QUI!

parco transennaSEGNALAZIONI QUOTIDIANE DI ILLEGALITA’, MA E’ COME LOTTARE CONTRO FANTASMI! OPPURE DOBBIAMO INNALZARE IL LIVELLO DI ALLERTA ANCHE A MILAZZO?

Caro Direttore, ancora stamattina, superando il vecchio passaggio a livello di Parco, ho visto fortemente disturbato che nemmeno le segnalazioni “supergravi” vengono prese in considerazione. Lo stupore maggiore è che nessuno si preoccupa neppure di se stesso, pensando alle conseguenze che potrebbe avere un incidente che gli verrebbe addebitato per aver omesso di fare IL PROPRIO DOVERE. Siamo proprio in alto mare. Da qualche giorno, dopo il massacro di Parigi, hanno preso il sopravvento il terrore, il rischio di attentati, la preoccupazione che qualcosa di simile possa accadere anche da noi. Né valgono le rassicurazioni o gli appelli a restituirci serenità. Purtroppo nessuno pensa che invocare l’unità, superare le contrapposizioni politiche, mettere da parte gli egoismo e fare fronte comune significano adottare comportamenti che riconducano tutti nel solco della legalità! Nel nostro piccolo, legalità significa anche non svoltare a sinistra in via Brigiano, nonostante il divieto; adoperare i cassonetti dei rifiuti per buttare agli orari leciti quel che si produce, e non tutto quel che capita provocando aumenti inaccettabili di costi che ricadono sulle famiglie e non sui produttori; legalità significa soprattutto avere rispetto per i cittadini, anche garantendo la libera circolazione piuttosto che lasciare per lunghe settimane, che potrebbero diventare anche mesi, una transenna a recinzione di una buca, nonostante la circolazione caotica in un punto ben individuato di Milazzo. Caro Direttore, mi scusi per lo sfogo e per quello che sto per scrivere: temiamo l’ISIS, il loro integralismo, la loro lotta contro la cultura, contro la civiltà, contro l’Occidente, ma mi pare che neppure noi scherziamo! Anche noi distruggiamo, giornalmente, ciò che di buono dovremmo fare… In quanto agli attentati, non è necessario attaccare inermi cittadini o farsi esplodere: la mancanza di rispetto per il prossimo, l’indolenza, l’arroganza o la certezza che si resti impuniti commettendo illegalità sono peggio di qualsiasi attentato. Ho portato solo piccoli esempi notati in una città che non riesce a darsi delle regole, e che, pur se esistono, non sa come rispettare. Non la voglio assillare, ma, onestamente, ci metto (e nemmeno lei scherza) anima e corpo e vedere vanificato, fors’anche deriso, questo impegno, mi crea proprio malessere e fastidio. La ringrazio per la sua pazienza e per l’attenzione.  

Rispondi