Home / Di tutto un pò / ASSESSORE GIOVANNI DI BELLA, CI VUOLE SPIEGARE COME FARE?

ASSESSORE GIOVANNI DI BELLA, CI VUOLE SPIEGARE COME FARE?

Prot. n. 570,  06/11/2018. COMUNICATO STAMPA

Censimento per persone in condizioni di disabilità grave.

L’Ufficio Servizi sociali ha reso noto di aver avviato un censimento delle persone (di qualsiasi età) che si trovano in condizioni di disabilità grave, riconosciuta ai sensi dell’art. 3, comma 3, della legge 104/92.
Gli interessati potranno presentare istanza, utilizzando l’apposito modello predisposto dall’Ufficio e scaricabile sul sito del Comune di Milazzo, entro il 12 novembre 2018.
Caro Assessore, vuole spiegare ai nostri lettori COME DEVE FARE UN MALATO GRAVE A PRESENTARE ISTANZA, E COMPILARE LA MODULISTICA? Dopo certe PERLE DI SAGGEZZA che diventano norme alle quali attenersi non ce la sentiamo di dare torto al Sindaco quando esprime il suo rincrescimento per l’incompetenza che caratterizza parecchi dipendenti… 

1 Commento

  1. Perché non cominciare a fare la scrematura di quelli che sono già censiti, o registrati e che godono di eventuali agevolazioni? Perché a ben vedere, molti “approfittano”, dello status pur non avendone più diritto. Per via del “trapasso” della persona interessata o altro. Ci sono tante di quelle porcherie, a scavare, che la metà basterebbe a fare imbizzarrire, stavo scrivendo incazzare ma pensavo potesse essere troppo volgare, il più tranquillo degli uomini. Ma per fare questo ritengo che ci debba essere del personale che ci si impegni e che faccia il lavoro seriamente, senza nepotismi o strascichi amichevoli che ne inficerebbero il servizio. Purtroppo siamo nel pieno di una involuzione sociale. Non basta o non serve la professionalità, se di fronte hai l’amico dell’amico che scavalca norme, leggi e soprattutto, educazione (civica o meno). Milazzo non è una “perla nera” rispetto ad altre. Non è l’inferno rispetto al paradiso che ci circonda; ma onestamente delle altre città me ne frego (ducesca memoria). Milazzo deve essere riferimento a se, con le leggi che la guidano. Quanto alla “genialata” dei disabili che dovranno presentare istanza presso gli uffici comunali, con “apposita documentazione”, la trovo il primo passo di avvicinamento alla registrazione dei defunti, da parte dei diretti interessati. Di “morti politicamente” che girano per la città, ne abbiamo quotidianamente prova, ma di defunti che si recano in comune per registrare il loro decesso, siamo ancora all’inizio. Potremmo inserirla come attrazione turistica, per un futuro a venire. Saluti e grazie per la squisita ospitalità, come sempre del resto.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.