Home / Di tutto un pò / AUTOMOBILISTI MALEDUCATI, CON LICENZA DI FOTTERSENE DELLE LEGGI…
Italpane

AUTOMOBILISTI MALEDUCATI, CON LICENZA DI FOTTERSENE DELLE LEGGI…

ASSENZA DELLE FORZE DELL’ORDINE? NO, NON E’ SOLO QUESTO: DICIAMO CHE E’ ASSENZA DI EDUCAZIONE, DI RISPETTO, DI SENSO CIVICO…

Tanta libertà di fare quel che si crede nasce dalla certezza di restare impuniti. La legge c’è? Ce lo siamo chiesti tante volte, e la risposta è sempre la stessa: SI’! Quella che manca è l’educazione, caro amico di OGGIMILAZZO che descrivi il comportamento irriverente e la sfacciataggine di un automobilista. Nessuno che abbia chiamato le forze dell’ordine, probabilmente. Nessuno che si sia assunta la responsabilità di far capire all’energumeno che QUI LUI NON COMANDA, e la legge non tollera i comportamenti di chi danneggia gli altri! Inutile scrivere pagine e pagine di proteste, pubblicare lettere, sparare contro l’Amministrazione. Se dobbiamo mettere sul banco degli imputati un responsabile, dobbiamo cercarlo nella società sempre più permissiva.

Ma è anche vero che ci sono dei complici, che non compiono il loro dovere, che si trincerano dietro scuse che non reggono, che per lungo tempo hanno lasciato correre senza applicare mai quelle sanzioni che avrebbero portato rispetto allo stesso operatore sulla strada ed al corpo da lui rappresentato! Sono lontani i tempi in cui a Milazzo, città con un numero esiguo di vigili, si tenevano sotto controllo situazioni ben più gravi di quelle che i lettori denunciano scattando foto… Non dipende dal numero dei vigili nè tanto meno delle forze in campo il controllo della legalità: ci sono città in cui la presenza del Vigile o del poliziotto è addirittura superflua. Qui no! Qui tutto è lecito: girare senza cintura allacciata, parcheggiare in doppia o tripla fila, fermarsi in mezzo alla rotatoria, parlare al cellulare, giocare con esso mandando un sms e distogliere gli occhi dalla strada che si percorre.

Però per mesi sono state scattate foto alle auto sull’asse viario, per il superamento di limiti di velocità che nessuno ha stabilito!

Sono lontani i tempi in cui i motociclisti, fino alle due di notte, stazionavano davanti alla chiesa di san Giacomo, e la sola presenza faceva desistere gli automobilisti da una sosta che oggi non solo è tollerata, ma pienamente autorizzata!

Ieri sera, tra le 20.45 e le 22.40, due ore, ben 57 auto sono transitate in via Matteo Nardi, nonostante un divieto esistente. Incuranti se nella strada sostavano ragazzi, persone anziane, bambini. Anzi, qualcuno si è pure irritato, ed ha strombazzato perchè doveva per forza scendere in marina, parcheggiare nella striscia riservata ai ciclisti ma diventata pieno possesso delle auto, svoltare incurante della doppia striscia di mezzeria verso Vaccarella, o immettersi in via Ryolo, inquinando con i gas di scarico gli avventori dei locali pubblici, girare nuovamente su via Cumbo Borgia, riportarsi su piazza Caio Duilio. Un immondo giro vizioso che offende il buon senso.

Mancano vigili? Mancano Carabinieri? mancano Poliziotti?

No, cari amici: manca la buona educazione di chi giorno per giorno ha scambiato questa città per un CACATOIO! Forte delle impunità che ormai vengono garantite da mancati controlli, da una mancata chiusura del centro urbano, dalla mancata creazione di una vasta zona a traffico limitato, dalla mancata richiesta costante di “patente e libretto” a chi gira senza cintura, col cellulare all’orecchio, o lascia la macchina in doppia fila o davanti allo scivolo del disabile. Cominciate! Lo sapete che saremo i vostri più strenui difensori se qualcuno dovesse scagliarsi contro di voi, perchè fate il vostro dovere.

Cominciate, specie quando siete in servizio e vedete che certe norme di legge non vengono rispettate! Non vi trincerate, voi uomini della legge, dietro un banale “Non mi è stato prescritto nel servizio!“. Quel che non si fa, in presenza di una legge dello Stato, è punita come omissione di atti d’ufficio… Vogliamo cominciare a contarne quante se ne commettono in un solo giorno?

Uno scatto di dignità, di orgoglio, di rispetto per i vostri concittadini che amano vivere nella legalità è quel che ci vuole. E allora non occorrerà chiedere rinforzi per tenere sotto controllo una situazione che solo per demerito vostro potrebbe sfuggirvi dalle mani! 

1 Commento

  1. Finalmente un articolo che cerca di svegliare gli organi competenti.. Far rispettare le leggi e ancor meglio le regole per una civile convivenza … il cittadino onesto è stanco di subire…

Rispondi