Home / Sport / Buon compleanno a CICCIO GITTO! E sono 84!

Buon compleanno a CICCIO GITTO! E sono 84!

RICORDATE QUELLA VECCHIA PUBBLICITA’ DI CAROSELLO AL BRANDY STOCK? Il tizio che entrava al bar e chiedeva “UN BRANDY…”, e al barman che chiedeva “QUALE?” rispondeva “UNO QUALSIASI!”.  Una figuraccia davanti ai presenti, accalcati nel locale in tempi lontani, e molti decenni prima dell’arrivo del distanziamento sociale da Coronavirus! Ecco che allora entrava un altro signore, il quale ordinava senza alcun dubbio “A ME UN BRANDY STOCK 84!” e in coro tutti dicevano “IL SIGNORE SI’ CHE SE NE INTENDE!”

Una premessa buttata lì e suggerita da quel numero, 84. Un numero qualsiasi, ma che ci riporta in mente il famnoso Brandy Stock, così come ci richiama la mitica Equipe 84, e noi che siamo legati agli anni 60 non possiamo non ricordarla! Ma questo numero è anche quello che oggi ha raggiunto il nostro CICCIO GITTO, classe 1936.

Non lo abbiamo saputo casualmente, anzi aspettavamo questo 13 maggio, giorno dedicato alla Madonna di Fatima, nel 103° anniversario della Sua apparizione ai tre pastorelli, per rinnovare gli auguri di buon compleanno ad un sincero amico che ci segue da anni e che continua a seguirci e partecipare anche alle nostre periodiche riunioni e conviviali.

Quando fu dell’80° compleanno, parlò lui stesso di “4 VENTINE“, oggi siamo noi a parlare di “4 volte 21“: un tempo 21 erano gli anni che ci consegnavano alla maggiore età! E Ciccio, ad 84 anni, è la quarta volta che diventa maggiorenne.

Classe 1936: come Papa Francesco, Pippo Baudo, Silvio Berlusconi, anche Tony Dallara, con cui ha voluto gli fosse scattata una foto quando il re degli urlatori venne a Milazzo, cinque anni fa, per un concerto di beneficenza! Ma solo perchè aveva scoperto di essere nato il suo stesso anno!

Ciccio è stato  colto alla sprovvista quando gli è stato assegnato il PREMIO TERMINAL 2019 per la politica. A 83 anni compiuti non si aspettava un riconoscimento per quanto aveva fatto in anni lontani, ma la serietà con cui aveva affrontato l’incarico voluto da centinaia di elettori che lo vollero al Palazzo Comunale, la strima e la benevolenza di compagni di partito e avversari politici sono le migliori testimonianze per un uomo che non ha mai cercato i compromessi, nè le passerelle nelle manifestazioni e negli eventi, dove è sempre stato puntuale solo se invitato. Affezionato lettore del nostro periodico, ma anche qualcosa di più, continua a dispensare consigli o suggerimenti per migliorare la nostra presenza sul territorio; e noi siamo fieri di seguire ciò che viene non soltanto dall’esperienza, ma anche dalla serietà e dalla saggezza di un uomo che ci onora della sua impagabile amicizia! Un uomo come pochi, il nostro Ciccio: e come pochi è rispettato e stimato per essere stato un lavoratore instancabile, un saggio mediatore nelle discussioni politiche, un buon padre di famiglia, un riferimento obiettivo dei fatti che accompagnano la vita di Milazzo e dell’industria, un testimone degli avvenimenti che mi sforzo di narrare sui libri che ci riportano indietro nel tempo e ci riconsegnano una Milazzo tutta di rivivere o da scoprire. Un cuore grande, una innata disponibilità, un signore nel vero senso della parola. 

Oggi non aspetteremo la sua telefonata di ringraziamento, per il regalo che abbiamo voluto fargli: saremo noi a chiamarlo. E per l’ennesima volta lo prenderemo alla sprovvista, dicendogli di andare a cercare su internet e sul sito web di TERMINAL (un tizio che è maggiorenne 4 volte sa di cosa stiamo parlando!) questo buon compleanno!.

Rispetto a quattro anni fa i capelli di Ciccio sono sempre bianchi, e anche un po’ più lunghi, mi ha confidato qualche giorno fa- “Non vedo l’ora di andare a tagliarli appena il mio barbiere riaprirà!“, ha aggiunto.

Un tempo, quando gli anni erano 21 e si diventava maggiorenni, eravamo noi a decidere di lasciarli crescere o tagliarli, finalmente – ma non tanto – liberi dalle imposizioni dei nostri genitori. Oggi è diverso: chi diventa PER QUATTRO VOLTE MAGGIORENNE decide autonomamente di tagliarli! Ma non li colorerà come fanno altri, per nascondere il colore originario: li lascerà bianchi, segno di tanta saggezza.

Auguri, Ciccio… a presto!

 

Commenti

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.