Home / MILAZZO / ALBUM DEI RICORDI / Buon compleanno a NICOLA CALIRI!

Buon compleanno a NICOLA CALIRI!

80 ANNI, o, come piace dire a chi raggiunge questa età, due volte QUARANTA; o quattro volte VENTI. Per esorcizzare il numero che è sinonimo (inutile tentare di nescondere la verità…) di vecchiaia, e illudersi di sentirsi ancora giovane e vigoroso.

Magari fosse stato così anche per NICOLA CALIRI!  Ci avrebbe riso sopra, contento di avere raggiunto anche lui quel traguardo che gli è sfuggito per un soffio! Solo per venti giorni! E cosa sono venti giorni di fronte a migliaia di altri, passati serenamente, fra lavoro, famiglia, musica (la sua passione) ed amici? Sicuramente un’inezia!

Purtroppo quei venti giorni sembrano non passare mai quando subentrano preoccupazioni, dispiaceri, dolori… Tutti i giorni diventano uguali, pesanti, interminabili. Non si guardano più quelli passati nella gioia e nei ricordi incancellabili, che sembrano lontanissimi, ma proprio gli ultimi, e ognuno si augura che finiscano presto.

NICOLA CALIRI oggi avrebbe compiuto 80 anni. Anche con le limitazioni imposte dal COVID, sarebbe stato festeggiato dei suoi figli, dai suoi nipoti, dai suoi cari che sognavano per lui il traguardo.

Non ci sarà nessuna festa, nessuna torta, nessuna foto. Non ci sarà nessun brindisi per il migliore papà del mondo, per quell’uomo dal cuore grande e generoso, al quale abbiamo dato il saluto, nostro e di tutti coloro che gli volevano bene, lo scorso 20 ottobre… Solo venti gioni fa!

I suoi ottant’anni Nicola li sta festeggiando con la sua Silvana, lassù. Senza limitazioni, come sarebbe stato quaggiù, ma con tanti amici che lo aspettavano: un numero impressionante di persone care. Era andata via da tempo la sua sposa, la madre dei suoi  Alessia e Francesco. Quel giorno Nicola non aveva accettato quella separazione che lo aveva segnato, e ancora riviveva le inumane sofferenze patite dalla compagna di una vita. Con forza era stato accanto ai suoi ragazzi, riuscendo ad essere allo stesso momento papà e mamma, per mantenere la promessa fatta e rivelandosi per loro il riferimento, la spalla su cui piangere, la mano da stringere nei momenti difficili. 

Ha sofferto anche Nicola negli ultimi mesi: lottando senza speranza, ha cercato di essere forte, di vincere questa nuova avversità, di superare l’ostacolo che si era posto fra lui e i suoi cari. A nulla sono valse le cure, le preghiere, le invocazioni. Quella signora che aveva deciso di andarlo a prendere, strappandolo ai figli ed ai nipoti, non ha avuto alcuna pietà; non poteva aspettare ancora, così era scritto. Solo allora Nicola ha deposto le armi, ed ha rinunciato a combattere… 

Nel lungo viaggio, Nicola Caliri avrà parlato a quella vecchia signora della sua vita, della sua storia, del suo amore per la musica, dei suoi figli, delle sue sofferenze… forse ascoltando le sue parole, quella signora che non conosce dolore ma lo dà, non conosce pietà ma la infonde, ha voluto regalare a Nicola un momento di serenità… i suoi ottant’anni, da festeggiare con Silvana. Avrebbe dovuto attendere solo venti giorni, tantissimi sulla terra quando si soffre e si resta soli, ma lassù sono un battito di ciglia, perchè il tempo non esiste.

Ecco, Alessia, Francesco…. papà oggi sta festeggiando proprio lassù… E voi dovete essere contenti per lui e per chi si trova al suo fianco! Mamma, che lo aveva preceduto ma sapeva che sarebbe arrivato, ha voluto far preparare per lui la torta più bella, fatta con l’amore, l’affetto, la gioia che per anni non aveva potuto più regalargli. Lo aspettava in lacrime, ma lui ha asciugato il volto della sua sposa, teneramente, con le sue carezze e colmandola di baci!

Auguri, Nicola Caliri… da parte dei tuoi figli e da chi ti ha sempre amato!

 

Commenti

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.