Home / Di tutto un pò / CHIESA DI SAN ROCCO: I VANDALI SONO PASSATI ANCHE DA QUI!
Italpane

CHIESA DI SAN ROCCO: I VANDALI SONO PASSATI ANCHE DA QUI!

UNA CHIESA FRA LA PIU’ ANTICHE DI MILAZZO, UNA DELLE TANTE DELLA “CITTA’ ALTA”, CONOSCE DA MESI UN ASPETTO DEGRADATO E OCCORRE FARE SUBITO QUALCOSA. ECCO LA NOSTRA PROPOSTA…

Siamo stati noi a scattare queste foto, che poniamo all’attenzione dei nostri lettori e dei concittadini, per “ammirare” il vandalismo e il degrado che, senza alcun controllo e senza che si riesca a dare un volto ai nuovi barbari (a proposito, ma quelle telecamere funzionano o no? Se funzionano, prendiamo questi sconsiderati che deturpano il patrimonio; se non funzionano, ci auguriamo che ci sia qualcuno che voglia spiegarci il perchè…). Abbiamo OMESSO LA PUBBLICAZIONE delle foto scattate anche alle BESTEMMIE che campeggiano sulla chiesa: e non solo le sole, in questa città nella quale si ama festeggiare i santi e portarli in processione, per divertire e per fare divertire, ma non ci si cura di cancellare le scritte blasfeme o le bestemmie che purtroppo campeggiano sui muri cittadini, anche in centro urbano. Che non ci sia più rispetto per la religione, è un fatto assodato. Che si metta in dubbio l’esistenza di Dio, ormai lo dicono da tutte le parti, anzi vogliono che tutti ce ne rendiamo conto… E non ci passa minimamente per la testa di dare la colpa al crescente sentimento per altre religioni visto che la nostra città, come gran parte delle altre città d’Italia, si sta popolando di cittadini stranieri che hanno, al contrario di noi, un culto religioso! NO, qui si tratta solo di vandali, di deprecabili individui, fra i quali si annidano probabilmente anche minorenni, liberi di insozzare, deturpare, distruggere, bestemmiare Dio, la Madonna, i Santi; e di cadere dalle nuvole quando vengono presi con la mano nel barattolo di marmellata.

Che la chiesa sia senza custode e chiusa temporaneamente al culto è anche una verità che non possiamo accettare.

E come TERMINAL ci facciamo promotori di una richiesta che sarà formulata anche nelle opportune sedi ecclesiastiche, per garantire l’apertura della chiesa di San Rocco, di fare svolgere le principali funzioni religiose, di tenere in condizioni di decoro l’ambiente circostante, di realizzare un circuito culturale e turistico che tenda a valorizzare il patrimonio ecclesiastico delle chiese del Borgo (San Francesco, Immacolata, Santo Rosario, San Rocco). Ci faremo promotori anche di un intervento presso la Sovrintendenza per cominciare quelle opere di restauro esterno, attingendo ai contributi di sponsor. E garantiremo una presenza costante che si prenderà cura del verde evitando l’accumulo di rifiuti; e scoraggerà anche eventuali malintenzionati o vandali che hanno scambiato un luogo di culto per un bivacco, per un’alcova, per un luogo dove scambiarsi effusioni amorose o immortalare con scritte, che solo il tempo cancellerà, la loro ignoranza e la mancanza di amore e di rispetto per il patrimonio cittadino!

Sicuri di riuscire anche questa volta nel nostro impegno, che stiamo prendendo qui davanti a voi amici e lettori, che ci sosterrete perchè sappiamo che amate Milazzo e non verrete mai meno al vostro sentimento religioso!

1 Commento

  1. Sull'orlo dell'abisso

    Se quando tornano a casa loro questi “onesti lavoratori delle tenebre” trovassero ad aspettarli i loro genitori armati di battipanni, cucchiarelle di legno,zoccoli di legno,cinghie dalla parte della fibbia,verghe di ulivo ed altri “strumenti educativi”, allora certe azioni di indescrivibile barbarie non ci sarebbero; ma siccome anche i genitori di queste generazioni di cacca avrebbero bisogno di essere educati al vivere civile, allora di che striamo parlando? Quando qualche raro arresto in flagranza di reato viene commesso,si trova subito l’avvocatino solerte ed il giudice scoglionato per essere stato disturbato per simili inezie che immediatamente ti escono dalle patrie galere,anzichè far marcire la massacanaglia, allora di cosa stiamo parlando? Me nanna diceva che il pesce puzza dalla testa, e canticchiava una poesiola che testualmente recitava: Il succo di bacchetta
    strofinato sulle spalle
    purifica, santifica,
    fa crescere la barba e
    fa mettere la testa a posto!

Rispondi