Home / Società / CHIESTO UN PRESIDIO PER TUTELARE I DIPENDENTI COMUNALI!

CHIESTO UN PRESIDIO PER TUTELARE I DIPENDENTI COMUNALI!

RESTIAMO ALLIBITI LEGGENDO LA RICHIESTA di tre consiglieri comunali, diffusa dal comunicato stampa del Comune, riportato di seguito:

Prot._n. 348  del 23/7/2020.

COMUNICATO STAMPA

Alesci, Magliarditi e Piraino chiedono più sicurezza per chi lavora al front office del Comune

I consiglieri comunali Francesco Alesci, Maria Magliarditi e Rosario Piraino facendo riferimento a diversi episodi di insofferenza nei confronti dei dipendenti comunali impegnati nel front office di palazzo dell’Aquila, alcuni dei quali – sottolineano – hanno determinato pure situazioni spiacevoli di aggressioni anche fisiche, chiedono una forte presa di posizione da parte dell’Amministrazione comunale attraverso l’attivazione di un presidio di supporto a chi è impegnato a svolgere il proprio lavoro facendo rispettare quelle che sono le norme antiassembramento. Regole – concludono i consiglieri – che la gente, evidentemente, non vuole comprendere.                                                            L’ufficio  Stampa

Non comprendiamo il messaggio dei consiglieri comunali! Dove è scritto che a tutelare i dipendenti comunali ci vogliono i vigili urbani? Ma soprattutto quanti ce ne vorrebbero, e dove dovrebbero essere messi? Se per front office intendiamo i luoghi in cui il dipendente o il funzionario è in contatto diretto con i cittadini, avremmo bisogno di un esercito, visto che fra persone in attesa, ricevimento, anagrafe, stato civile, ufficio tasse e tributi, ufficio licenze, pubblica istruzione, uffico tecnico, e chi più ne ha più ne metta, il numero dei dipendenti A RISCHIO è di gran lunga superiore all’organico del corpo di Polizia Municipale.

Ma in città gli altri uffici pubblici cosa fanno? Si rivolgono alle forze di Polizia o alla polizia privata per tutelare i propri dipendenti?

Una richiesta assurda che non è certamente una priorità per una città che paga giorno dopo giorno per l’inefficienza e l’incapacità di una classe politica che ha scritto, in questi ultimi cinque anni, delle pagine che difficilmente i milazzesi cancelleranno. E i tre consiglieri a due mesi dalle elezioni sanno benissimo che i bisogni di una città sono altri, non certo proclami che sanno di comizi o di messaggi elettorali! 

Il pubblico, da sempre, ha affollato gli uffici: nelle code deve essere il buonsenso a prevalere, non certo l’insulto o l’arroganza. Dall’altro lato, il dipendente comunale deve seguire un codice di comportamento stabilito dai regolamenti e dalle norme vigenti.

Se poi le code dovessero degenerare in risse o in sopraffazioni, c’è sempre la legge che può essere invocata. Chi ha sbagliato deve pagare; e se c’è stata un’aggressione, un oltraggio, una minaccia, il reato è palese e non c’è bisogno di ricorrere alle coperture politiche per invocare, a nome di tutti, la protezione!

Basta individuare il responsabile: denunciandolo, ognuno si ricorderà che in questa città c’è anche una legge, la stessa in vigore su tutto il territorio nazionale, che va rispettata ed applicata.

Ma questo non è stato mai fatto, perchè non si è mai presentata una situazione simile, deprecabile ed incresciosa; quindi tocca al dipendente adire le vie legali, se qualcuno lo ha insultato o peggio lo ha aggredito. Può farlo direttamente, o relazionando su quanto è successo ai suoi superiori.

Se poi, come sempre accade, il tutto deve finire a tarallucci e vino, non scomodiamo il comando Vigili Urbani, signori consiglieri!

Procedendo di questo passo, i vigili sarebbero richiesti anche per fare rispettare la fila davanti ai gabinetti pubblici… Meno male che non ce ne sono!

 

Commenti

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.