Home / Di tutto un pò / COME DEFINIRE CHI E’ ALLERGICO AL SENSO UNICO?
Italpane

COME DEFINIRE CHI E’ ALLERGICO AL SENSO UNICO?

SIAMO ALLE SOLITE, E LA COSA A LUNGO ANDARE DA’ FASTIDIO, E PARECCHIO, A CHI RISPETTA SEGNALETICA E OBBLIGHI ALLA GUIDA… DUE ESEMPI TIPICI DI UNA MILAZZO CHE NON ACCETTA REGOLE E VIVE ALLA GIORNATA, SENZA CONOSCERE INTERVENTI REPRESSIVI CHE POSSANO EDUCARE…

La rotatoria di largo dei Mille immette anche nella zona di imbarco. Una canalizzazione realizzata con paletti e catene divide due mondi: quello riservato a chi vaga alla ricerca di un parcheggio o, più furbescamente, bypassa la fila di auto incolonnate in via Luigi Rizzo sbucando senza alcun rispetto dello STOP davanti al municipio e alle sbarre di Molo Marullo; e quello riservato ai tassisti o definiti tali, anche se tali non sono, ma solo NCC, ossia Noleggio con conducente. Una corsia preferenziale, per parcheggiare comodamente e fare scendere il viaggiatore, il quale una volta prese le valige si incamminerà verso la biglietteria degli aliscafi. Loro, recuperato un cliente diretto alla stazione, con una improvvisa manovra evitano di accodarsi alle auto che dovrebbero uscire su via Luigi Rizzo, e imboccare la via Cassisi, per dirigersi verso la stazione. E allora cosa fanno? Niente di male, lo fanno tutti: nonostante il divieto, ma loro sono di casa perchè le regole se le sono date tutti e l’importante è risparmiare e guadagnare tempo, si rituffano nella rotatoria, per effettuare una nuova corsa o ritornare alla stazione o dove erano prima! Beh, non è che ce l’abbiamo con questi onesti lavoratori che non vivono una realtà simile a quella di altre città nelle quali ci sono taxi e getto continuo e il servizio pubblico non è un optional e spesso non riescono a pagarsi nemmeno il carburante giornaliero! Diciamo che si adeguano… come si stanno adeguando i clienti di un supermercato che da qualche mese ha aperto in via Acqueviole. Le auto che dovrebbero fare un giro più lungo per accedere cosa fanno? Niente di anormale, solo una cinquantina di metri a senso unico, per di più contromano, alla faccia di chi viene di fronte e procede in direzione Parco e spesso sussulta vedendo qualche imbecille che gli si para davanti e vuole la precedenza, GUAI AD ARRIVARE TARDI A FARE LA SPESA! Fino ad ora non è accaduto nulla, nessuno scontro, nessun ferito, nessuna vittima! Ma se passa inosservata la manovra dei tassisti per immettersi nella rotatoria ed evitare il caos del centro, non passano inosservate le infrazioni quotidiane, e sono tante, dei clienti del supermercato che mettono a repentaglio la vita di chi, incolpevole, procede tranquillamente sulla sua destra e si vede parare davanti il cretino di turno, che merita la medaglia! E allora sì che girano le palle, in questa città nella quale si persegue l’auto con il disco orario scaduto di un paio di minuti, e non ci si accorge di chi continua a fare i cazzi propri, alla faccia delle persone corrette!   E pensare che davanti alla caserma dei Vigili del Fuoco ci sono le telecamere…. 

1 Commento

  1. ogni volta che ci passo mi incazzo come una bestia!

    In questa città ormai comandano tassinari, garagisti e gentaglia che ti manda a quel paese ogni volta che fai notare comportamenti a dir poco illegali. Proprio poco tempo fa la “gestora” di un garage che bloccava il traffico per far fare i porci comodi ai suoi clienti, mi ha minacciato con modi a dir poco mafiosi, perché le facevo notare che non era autorizzata a bloccare nessuno visto che non ne ha l’autorità e tutto sotto gli occhi impassibili e quasi accondiscendenti (verso chi delinque) di una pattuglia di militari. Prima o poi al fatidico incrocio di Acqueviole o della rotonda del porto, ci scapperà il danno, spero gravissimo, per vedere cosa diranno le autorità davanti all’anarchia che tutti i momenti si consuma in ogni strada della città! Certo non si può pretendere un posto di blocco militare in ogni strada, ma essere intransigenti verso comportamenti pericolosissimi, sarebbe quanto mai auspicabile!

Rispondi