Home / Comunicati / CONFERENZA STAMPA DEL MOVIMENTO 5 STELLE A MILAZZO.

CONFERENZA STAMPA DEL MOVIMENTO 5 STELLE A MILAZZO.

COMUNICATO STAMPA

Domani, giovedi 26 Ottobre, alle ore 11, presso il palazzo del Comune in via Crispi, il candidato alle regionali del Movimento 5 Stelle Francesco Mazzeo, insieme agli attivisti di Milazzo, illustrerà alla stampa una proposta per permettere una maggiore informazione e partecipazione dei cittadini alle questioni amministrative cittadine. Se il comune ci impedirà, di nuovo, di farlo in quella che è la casa di tutti, vuol dire che la conferenza stampa si terrà sul marciapiede di fronte il Municipio. Avremmo voluto presentare questo lavoro alla città già nelle scorse settimane, ma abbiamo scoperto che a Milazzo per fare una conferenza stampa nella casa comunale serve un permesso speciale. “Noi pensavamo – denuncia Francesco Mazzeo candidato alle regionali del Movimento 5 Stelle – che le amministrazioni comunali scrivono le regole e danno disposizioni, poi ciascun cittadino presenta richiesta e, se è in linea con quanto previsto, gli uffici, il dirigente, la approva. Così funziona negli altri comuni della provincia, dove tutti trovano democraticamente spazio. Qui invece il procedimento si ferma se prima non lo vede ed approva specificatamente il sindaco. Un malpensante potrebbe credere che a Milazzo si sia arrivati al clientelismo pure per gli spazi comunali. Noi non lo siamo malpensanti, ma chiediamo al Sindaco di spiegare.”. Questi i fatti: Alcuni attivisti di Milazzo , grazie al supporto di legali, hanno messo a punto una proposta per la città. Giovedi 28 Settembre si recano personalmente al comune a chiedere la concessione di una sala comunale per presentarla alla stampa. Gli uffici si rifiutano di concordare e fornire informazioni su quali sale e spazi comunali possono essere disponibili, e indicare le date in cui sono già occupate per precedenti impegni. Insomma fate richiesta scritta ‘alla cieca’ e basta. Lunedi 2 Ottobre dopo vari contatti telefonici con diversi uffici comunali, viene detto di presentare richiesta direttamente al Sindaco. Continuano a non dare alcuna indicazione su date e disponibilità. Mandiamo così una pec, per chiedere l’uso di una qualsiasi sala comunale per il giorno di Venerdi 6 (ben 8 giorni dopo il primo contatto, tempistiche lunghissime per quelli che sono i tempi giornalistici e di una notizia). Per tre giorni andiamo e telefoniamo, praticamente ogni paio ore, ottenendo sempre la stessa cordiale e rituale risposta “La richiesta di concessione spazi comunali la deve prima vedere il sindaco che è impegnato, riprovate tra un pò, che sicuramente il sindaco avrà avuto modo di visionarla”. Esausti, facciamo gli ultimi tentativi giovedi mattina. Specifichiamo all’ufficio di gabinetto che se il permesso non arriva in mattinata, non ci sono più i tempi tecnici per fare alcunché. Esprimiamo anche tutti i nostri dubbi sulla inusuale procedura: negli altri comuni tali richieste vengono sempre esitate brevemente dal dirigente competente. Giovedi 5 Ottobre alle 18.49 riceviamo dalla segretaria particolare del Sindaco una pec con cui ci concedono l’uso di una sala comunale per una conferenza stampa per l’indomani mattina… oltre al danno, la beffa. “Certi atteggiamenti della politica, certe ‘furbizie’ da vecchia burocrazia – continua Francesco Mazzeo – erano già riprovevoli ai tempi della prima repubblica. Il muro di gomma che rimanda sempre ad altro ed a dopo. Trovate stravaganti per dire di no, per negare qualcosa, mentre formalmente la si approva. La novità che Lei doveva portare consiste in queste modalità, in questo vecchiume morale e burocratico? I dirigenti, la sua segretaria particolare, prendono i loro lauti e sicuri stipendi per risolvere i problemi della città. Gli spazi comunali sono di tutti, non a disposizione solo di chi vince le elezioni. Facciamo fatica a pensare che un Sindaco di un grande comune e la sua segretaria particolare, non sappiano come si fa una conferenza stampa, che non sappiano che bisogna avere il tempo, quanto meno, di avvisare i giornalisti. A che serve concedere una autorizzazione quando tutti gli uffici sono chiusi e non si fa più in tempo ad informare nessuno? Forse solo a giustificare un diniego che, di fronte alle leggi di questo paese ed alla democrazia, non volevate, o potevate, mettere per iscritto. Iniziate ad occuparvi dei problemi di Milazzo, i cittadini aspettano dal giorno che Lei è stato eletto di vederLe fare anche una sola cosa di buono per la città. I cittadini di Milazzo meritano di meglio, di molto meglio.” Auspicando che vorrete presenziare alla conferenza stampa e dare alla notizia la visibilità che riterrete opportuna, porgiamo cordiali saluti. Grilli del Golfo Francesco Mazzeo Note per il giornalista: – Per qualsiasi chiarimento od altra informazione potete contattarci telefonicamente: Francesco Mazzeo recapito cellulare +39 3884699010

Rispondi