Home / Società / DA VACCARELLA UNA DOMANDA ALL’AMMINISTRAZIONE…
Italpane

DA VACCARELLA UNA DOMANDA ALL’AMMINISTRAZIONE…

vaccarellaI RESIDENTI SI AUGURANO DI AVERE UNA RISPOSTA IN TEMPI BREVI… 

Hanno affidato a noi la domanda da formulare a chi amministra la città. La faranno anche all’assessore di casa, Damiano Maisano, che al momento non hanno assolutamente scavalcato. Solo che loro hanno imparato a non fidarsi dei politici, per cui è naturale che preferiscano, così come è sempre avvenuto da quando siamo nati come giornale, TERMINAL! Si tratta di un quesito semplicissimo, e la risposta deve arrivare in tempi brevi. Certamente non domani, e nemmeno dopodomani…. ma visto che le decisioni in questa città possono essere adottate la sera e la mattina entrare in vigore, non ci sarebbe nulla di male se un intero rione potesse conoscere con congruo anticipo di “che morte deve morire”. Solo che questa volta la domanda non riguarda il ripascimento della spiaggia, e nemmeno la sagra del pesce di ogni anno, che attende sempre l’ultimo giorno per ottenere l’occupazione di suolo pubblico! No. Qui si parla di parcheggi. Ce ne sono, a iosa, come gli stessi automobilisti possono notare. Prima erano state realizzate le strisce blu: eliminate perchè è giusto che tutti trovino parcheggio, specialmente i residenti e soprattutto coloro che, con le loro barche, devono andare per mare a pescare. Si è abbondato con il colore bianco, adesso, come se ettolitri di vernice fossero regalati, ma non importa: i soldi ci sono, eccome! Quelli che mancano, almeno per il momento, sono le prescrizioni. Ossia, chi può parcheggiare, e soprattutto per quanto tempo? Tutti, residenti e non? Benissimo, siamo contenti, i posti ci sono, quindi grazie all’amministrazione e un plauso a chi pensa di venirci incontro, dicono i residenti. C’è una nota dolente: i porticcioli turistici. Fra qualche mese arriveranno a decine le auto che sosteranno, in mancanza di una limitazione oraria o di una sosta riservata ai residenti, per ore, giorni ed anche settimane. I conducenti andranno anche loro per mare, ma non per pescare, come quelli che si svegliano nel cuore della notte, ma per divertirsi. Un divertimento sacrosanto, ci mancherebbe altro… “E noi di Vaccarella qui a fare i guardiani alle loro auto?” ci dice Matteo. “E’ già successo quest’anno, aggiunge Nino, e per fare la sagra del pesce abbiamo dovuto spostarci perchè le auto erano in sosta da una settimana almeno!“. “Il prossimo anno, incalza Melino, se non verrà regolamentata la sosta, metteranno anche i camper… Volete scommettere?“. No, nulla da scommettere, perderemmo, lo sappiamo per certo. Quindi, da pare dei residenti di Vaccarella, ma anche da parte di chi sa come vanno a finire queste cose, preghiamo vivamente di voler provvedere. Senza ulteriori indugi. Loro stessi hanno delle soluzioni: disco orario lato mare, riservato ai residenti lato opposto. Potrebbe essere un’idea. Ma le idee non vengono accolte, purtroppo. E nemmeno i suggerimenti! 

Rispondi