Home / Eventi / DICIOTTO ANNI PER FEDERICO E RICCARDO GRILLO!
Italpane

DICIOTTO ANNI PER FEDERICO E RICCARDO GRILLO!

DOMANI, 9 MARZO, FESTEGGERANNO LA LORO MAGGIORE ETA’ I DUE GEMELLI GRILLO! 

Erano raggianti stasera, da Claudio. Capelli, barba da sistemare, shampoo, prima del grande appuntamento! E domani, prima dell’evento, gli ultimi ritocchi, fin dal primo pomeriggio! Federico e Riccardo Grillo, gemelli, figli di Antonino e di Maria Tindara Scolaro, una sorella, Sofia, di qualche anno più grande, nati il 9 marzo 1999, prima della fine del secolo e prima del nuovo millennio, hanno finalmente raggiunto la maggiore età! Un percorso tranquillo, normalissimo, come tutti i ragazzi che non vedono l’ora di diventare maggiorenni ma continuano a vivere la loro vita all’interno della famiglia. Senza sbavature e soprattutto senza dare preoccupazioni ai genitori, conosciuti e stimatissimi, anche loro in fibrillazione per questo traguardo tanto atteso…

Entrambi studenti del Leonardo Da Vinci di Milazzo, hanno precisato che non frequentano la stessa classe e che anche gli invitati sono diversi. “Anche il regalo deve essere diverso” hanno voluto chiarire nella discussione, a chi chiedeva se entrambi, proprio in quella data memorabile, avrebbero ricevuto un unico regalo! Saranno in tanti a festeggiarli allo SHORE di via XX Luglio di Milazzo, dove il divertimento non mancherà, e nessuno avrà da lamentarsi per il menù, abbastanza ricco, che gli stessi neo diciottenni hanno voluto scegliere per intrattenere parenti ed amici…

E poi? Già, poi si riparte per un nuovo giro. Con qualche responsabilità in più, ma senza eccessi e senza trasgressioni, perchè i genitori continueranno ad essere tali, anche dopo il compimento della maggiore età dei figli!

Ma Riccardo e Federico, ragazzi educati, affiatatissimi e molto legati alla famiglia, non sono tipi da avere… grilli per la testa. A dispetto del loro cognome!

Auguri, ragazzi! E divertitevi, perchè i diciotto anni vengono una volta sola… anche se ognuno di noi, già avanti negli anni, pensa di averli fermati!  

Rispondi