Home / Società / E’ RACCOMANDATO O NON TEME I VIGILI URBANI?

E’ RACCOMANDATO O NON TEME I VIGILI URBANI?

IN SOSTA SENZA TARGAUN QUESITO AL QUALE MOLTI LETTORI CERCHERANNO DI DARE UNA RISPOSTA. NOI CE L’ABBIAMO!

Chi vede quest’auto in sosta, proprio davanti alla transenna che al momento preclude ai veicoli la corsia in discesa della via Colombo, pensa che potrebbe arrivare il vigile a fare la contravvenzione! Infatti è risaputo che quella sosta non è consentita. Ma si potrebbe pensare che non teme il vigile perchè forse è un… raccomandato! Qualcuno potrebbe anche obiettare che in quella zona ci sono tante altre auto in sosta, ossia quelle davanti all’INAIL, che ormai stanno acquisendo un diritto e il giorno in cui qualcuno si alzerà con l’intenzione di fare rispettare la legge, ci sarà sempre qualcun altro pronto a dire: “Ma non ci potevate avvisare prima?”. Perchè è buona educazione avvisare, e in quel momento, prima di “scrivere il verbale”, chi per giorni, settimane o mesi ha fatto i propri comodi, e ritiene che sia un dovere del Vigile avvisarlo, cortesemente, e magari soprassedere per qualche ora ancora se il conducente non sa dove metterla, quella macchina! Questo no, invece! Questo sa dove metterla, la sua auto. E badate bene che non abbiamo oscurato la targa, per evitare a voi lettori di risalire al proprietario! Siccome sapeva che qualcuno avrebbe scattato la foto e poi l’avrebbe mandata a noi di TERMINAL, ci ha evitato la fatica di intervenire con l’artificio consueto e oscurarle… Ma guardando bene, la targa non c’è proprio! Questo si è concesso il lusso di parcheggiare sperando di non essere identificato nemmeno dai Vigili, non solo da noi di TERMINAL! Che figlio di buona donna, ci verrebbe da dire! A meno che non sia in possesso di una targa di prova, e allora sì che … è in regola. In regola per modo di dire: sempre in zona vietata è! Inutile, amici, l’occhio dei sempre più numerosi fotoreporter dilettanti vi sta con il fiato sul collo… Altro che privacy: qui se tutti si rendono conto che noi, come si dice in gergo, “passàmu paru“, si daranno da fare sempre più numerosi per mandare le foto delle violazioni alle norme del Codice, delle irregolarità, degli abusi, delle porcherie che si notano, ogni giorno di più, in questa città!  

Rispondi