Home / Di tutto un pò / E SE FACESSIMO LA “GIORNATA DELLA DIFFERENZIATA”?

E SE FACESSIMO LA “GIORNATA DELLA DIFFERENZIATA”?

differenziataUNA PROPOSTA CHE PARTE DA NOI DI TERMINAL PER COINVOLGERE TUTTI I CITTADINI. POTREBBE ESSERE UN ESEMPIO …

Partirà… la nave partirà“, diceva la canzone di Sergio Endrigo. Era il 1970, era L’ARCA DI NOE’… Mentre a vincere Sanremo era CHI NON LAVORA NON FA L’AMORE. Con le debite proporzioni, oggi dovremmo intonare CHI NON DIFFERENZIA NON FA L’AMORE, ma a che servirebbe? Chi sarebbe a porre dei paletti, quando spesso in una famiglia sono entrambi i coniugi a rendersi responsabili della mancata differenziazione e conferiscono tutto nel cassonetto? Ma se l’educazione ambientale non è mai decollata, dovremmo accusare le scuole che non hanno alcun interesse a educare i bambini, che potrebbero essere i più validi diffusori di iniziative che non avrebbero bisogno del Comune per affermarsi! E allora ci pensiamo noi di TERMINA a lanciare una proposta, che potrebbe essere anche raccolta, se ci sono le intenzioni di raggiungere quegli obiettivi fissati dalla legge: entro maggio, e siamo già a maggio, verrà avviata la differenziata. In via sperimentale, è stato detto, perchè le prove sono indispensabili per far capire ad un popolo distratto e menefreghista che LA DIFFERENZIATA SI DEVE FARE. Ma nemmeno lo spauracchio dell’inceneritore ammorbidisce certe teste dure come gli scogli e non servono proclami per far comprendere che occorre separare i rifiuti. Gli sforzi di tante amministrazioni purtroppo si arenano proprio contro l’indifferenza di una popolazione che dovrebbe essere punita con un inceneritore, a due passi da casa! Ma gli altri, ossia quelli che la fanno da sempre, la differenziata, che colpa hanno per meritarsi anche loro una simile punizione? E allora ecco la proposta: indiciamo la giornata della differenziata! Che sia l’Assessorato all’Ambiente ad intestarsi l’iniziativa, e la estenda a tutti i cittadini! Che si parta proprio dalle scuole di ogni ordine e grado per ricordare, nei plessi scolastici, che la spazzatura che essi stessi producono è in massima parte CARTA, e quindi DIFFERENZIABILE! Scegliamo un sito ove potere conferire carta, cartoni, lattine, bottiglie di plastica e di vetro, e diamoci da fare con un efficiente passaparola, coinvolgendo tutta la città! I bambini saranno i migliori ambasciatori dell’iniziativa. E se ogni anno si riuscisse anche a “inventare” un concorso con la partecipazione di sponsor… non sarebbe una buona idea? Volete vedere che anche questa volta non se ne farà nulla? O dobbiamo essere noi a metterla in pratica? O dovrebbe essere PARCO COROLLA a promuovere l’iniziativa? Se ci date un sito, ci penseremo noi! 

Rispondi