Home / Comunicati / ECCO UN ALTRO LAGHETTO: QUI MANCANO LE PAPERELLE!
Italpane

ECCO UN ALTRO LAGHETTO: QUI MANCANO LE PAPERELLE!

7 nov, 2015 006 (1)I CITTADINI PROTESTANO, E LO FANNO SCRIVENDO SEMPRE PIU’ NUMEROSI AL NOSTRO GIORNALE! SPERIAMO DI POTERE RISOLVERE I LORO PROBLEMI, MA NON ABBIAMO LA BACCHETTA MAGICA! NOI POSSIAMO SOLO SEGNALARE… TOCCA AD ALTRI INTERVENIRE!

Siamo a Milazzo, Via Tre Monti, di fronte il civ. 55. Quello fotografato è l’imbocco di una strada che porta ad un agglomerato abitativo, con un notevole numero di edifici che risale a pochi anni addietro. Il nome della strada…..? Via Goliarda Sapienza, secondo la nuova intitolazione, ma a molti non dirà nulla. Da qui si accede a via Missori attraverso un vicolo strettissimo e sterrato che nel giorno in cui si asfaltava la via Regis costituiva l’unico passaggio per le auto. Ma della via Missori e del suo degrado ne parlerò a suo tempo: è sul laghetto che si forma all’inizio di questa strada ogni qual volta piova con una certa intensità che voglio accentrare l’attenzione dei lettori del giornale. Fin’ora abbiamo subito in silenzio, quanto meno da parte mia, ma ora basta.

Non tutti abbiamo la macchina e possiamo fare la traversata tipo safari, si dà il caso che si debba entrare a piedi ed ecco quindi che nasce il problema, che non è di poco conto specie se si ha la borsa della spesa ed il bambino in braccio. Il motivo è ovvio: la strada non ha le giuste pendenze; in quel punto non esistono caditoie stradali e quindi si forma proprio un lago fino a che la sua altezza non lascia debordare il di più di acqua verso la Via Tre Monti.

Il lago, però, resta ed incombe. Certo non mette in pericolo la vita di alcuno di noi costretti a guadarlo, ma la qualità della nostra vita – diritto sacrosanto – certamente si. Riconosco che il problema sta a monte ma, se i lavori fossero stati eseguiti a regola d’arte e se chi di dovere prima di collaudare e prima di pagare avesse fatto i dovuti controlli, certo non sarebbe successo. Tanto, alla Totò”: “…e io pago”.

Signor Direttore di Terminal, chiedo a Lei la cortesia di dare spazio e voce alla presente, con l’augurio che a mezzo del Vostro intervento si possa risolvere la questione presto e bene.

Grazie.

Rispondi