Home / Di tutto un pò / EMERGENZA MIGRANTI? NO, A MILAZZO “EMERGENZA” SONO GLI INCIDENTI STRADALI…
Italpane

EMERGENZA MIGRANTI? NO, A MILAZZO “EMERGENZA” SONO GLI INCIDENTI STRADALI…

ENNESIMO INCIDENTE STRADALE IN VIA GIORGIO RIZZO, DOVE, NONOSTANTE LA SEGNALETICA ESISTENTE, LE AUTO SI SCONTRANO CON DISINVOLTURA! 

Nessuno interviene prima. Sempre dopo, fin quando sarà possibile rimuovere i mezzi o trasportare i feriti in ospedale e fare la conta dei danni. No, non è un articolo degli anni 90 quello che vi proponiamo: è la tragica realtà, che si presenta giornalmente e che rischia di diventare una costante, visto che proprio in quell’incrocio, che di MALEDETTO non ha proprio nulla, le auto continueranno a scontrarsi. Abbiamo fatto riferimento agli anni 90 perchè una situazione simile l’avevamo vissuta già 25 anni fa… Incidenti a catena, anche in presenza di un minor numero di veicoli in circolazione. E nonostante lo STOP, mai rispettato da chi pensa di essere il padrone indiscusso della strada, ma spesso costretto a non rispettarlo e a spingersi un po’ in avanti per superare l’ostacolo, quel muro costituito sempre dalle auto parcheggiate all’incrocio, che come per incanto scompaiono quando avviene la “botta”, lo scontro laterale fa sussultare chi vive nei pressi e ci costringe a tornare sull’argomento. Negli anni 90, epilogo triste di una situazione che non trovava soluzione, fu una vittima, un giovane di Milazzo, Giorgio Picciolo, che con la sua moto andò a scontrarsi contro una vettura che si era “sporta” per vedere chi venisse dalla sua destra, superando seppur di poco lo STOP. Giorgio morì, la classe politica dell’epoca sentì il peso sulla coscienza, per non aver mai saputo regolare quell’incrocio. E dovette arrivare una nuova amministrazione, con a capo il prof. Filippo Russo, il quale tramite il suo assessore alla viabilità dell’epoca, Giuseppe Imbesi, studiò una soluzione per eliminare il pericolo e tutelare la salute e l’incolumità degli utenti della strada. Decisioni prese in pochi istanti, poichè dalla via Giorgio Rizzo fu imposto di svoltare sia a destra che a sinistra, verso la via Sergente Birago, ossia scendere verso il porto e salire verso il Sacro Cuore. Unico senso di marcia, eliminazione del doppio senso in discesa dal Sacro Cuore, azzeramento per tutta la durata della sua amministrazione degli incidenti in quel crocevia! Con il cambio di amministrazione, a qualcuno non piacque quella soluzione: troppo dispendioso, in termini di strada da percorrere, compiere cento metri in più e svoltare verso la via Giorgio Rizzo dal Palazzo La Nave! Quindi, tornò il doppio senso scendendo dal Sacro Cuore… Durò così per decenni: fino a quando si è pensato bene di agevolare la marcia in salita dal porto, senza inversione di marcia, e creando non UNO ma DUE STOP, aggravando quindi la situazione, senza considerare che se da uno STOP escono più veicoli, e qui gli STOP sono DUE, aumenta il numero di coloro che lo STOP non lo osservano! E questo non lo diciamo noi, ma le statistiche che tengono conto dei comportamenti alla guida! Senza volerle comunque scomodare, in un anno gli incidenti in quell’incrocio hanno superato quelli che sono stati rilevati in venti anni! Un record che sarà costantemente migliorato. Ancora non c’è stato il morto, questo è vero. Ma non vogliamo essere UCCELLI DEL MALAUGURIO… Aspettate che ci sia per prendere le necessarie contromisure? Purtroppo l’emergenza in questa città non è l’accoglienza dei migranti, ma secondo noi quell’incrocio MALEDETTO, che finirà, prima o poi, per UCCIDERE QUALCHE POVERO PADRE DI FAMIGLIA O QUALCHE GIOVANE INNOCENTE… Coma al solito, auguri alle persone coinvolte nell’ennesimo sinistro di oggi. E speriamo che si corra SUBITO AI RIPARI, per salvare qualche vita umana! 

FOTO GENTILMENTE CONCESSA DA www.ildiariometropolitano.it

 

1 Commento

  1. Caro extraterrestre,benvenuto a Milazzo.Quando arrivi cammina piano estai attento agli incroci pericolosi.

    ….Si,però al comune hanno comprato uno autovelox che serve solo a fregare gli automobilisti in una strada a scorrimento veloce ed anche con bassa incidentalità,considerando il traffico, mentre in città imperversa l’anarchia totale! E mentre i vigili sghignazzano fregando il prossimo, qualcun altro in centro ci rimette le penne perché i controlli sono totalmente assenti,anzi inesistenti, per cui largo a parcheggi selvaggi,macchine lasciate dove capita senza rispetto per nessuna regola,segnaletica inadeguata,inesistente o peggio,ignorata.Si, ma hanno ottenuto di far procedere a passo di processione,la gente sull’asse viario,provocandolo intenzionalmente un serio pericolo alla circolazione.Ma si sa, questa amministrazione sta eccellendo con lode e bacio in fronte nel peggior modo di governare una città. Dalle tasse alle stelle, al dissesto finanziario, al non fare nulla per garantire servizi per un dignitoso vivere ai propri cittadini cominciando proprio dal decoro dell’intera città che si presenta agli occhi di tutti in uno stato di totale abbandono,sudiciume soprattutto morale,per mancanza di regole ed anarchia sconsiderata.Manca qualcosa?

Rispondi