Home / Musica / GIANNI BONCOMPAGNI ERA ANCHE CANTANTE: HO UN SUO DISCO!
Italpane

GIANNI BONCOMPAGNI ERA ANCHE CANTANTE: HO UN SUO DISCO!

UN SALUTO PERSONALE AD UN PROTAGONISTA DEGLI ANNI PIU’ BELLI DELLA NOSTRA ADOLESCENZA… ABBIAMO SOGNATO CON I MOTIVI MESSI IN ONDA DALLA RADIO NEGLI ANNI DI BANDIERA GIALLA… 

Gianni Boncompagni era nato in Toscana, nel 1932. Di lui si è detto tutto, o quasi… la sua morte, avvenuta il giorno di Pasqua (giorno della risurrezione del Signore, un segno della grandezza divina per uno che come lui si definiva ATEO!) ha scatenato biografi e commentatori, tutti alla ricerca di cose sapute e risapute, dei suoi programmi più popolari, della sua consolidata amicizia con Renzo Arbore, visibilmente commosso durante le interviste tv, del suo ruolo di pigmalione, dei brani popolari come quelli della Carrà negli anni della tv dei fagioli e dei quei, o di quello cantato da Jimmy Fontana, IL MONDO. Ci sarebbe dell’altro, mi sono detto: un Boncompagni cantante, proprio quando rientrò dalla Svezia dove si era sposato e aveva avuto le sue tre figlie, e un suo disco che anni fa, tantissimi, annunciarono in tv e svelando che dietro lo pseudonimo adottato, PAOLO PAOLO, era proprio lui a cantare PRENDI IL MONDO COSI’. Un disco che avevo comprato la bellezza di 34.200 lire, ed erano i primi anni delle radio libere… E sapete perchè? Perchè sapevo che a cantare era Gianni Boncompagni, e non volevo perdere un pezzo pregiato della mia collezione. Qualcuno mi chiese di rimetterlo in vendita, quel disco… Ma la cosa non mi sfiorò nemmeno, e risposi: “Io non vendo. Compro!”. Probabilmente qualcuno, ora che Gianni Boncompagni è passato a miglior vita, mi chiederà se voglio disfarmi di quel 45 giri… magari offrendomi una cifra più consistente, rispetto a quelle 34.200 lire di quasi 40 anni fa… Con la svalutazione intervenuta, con gli interessi maturati, con la voglia di possedere un pezzo raro del panorama musicale italiano, qualcuno potrebbe giocare anche al rialzo… Io preferisco tenerlo ancora per me, come ricordo di un personaggio unico, che ci ha regalato momenti di intense emozioni e di entusiasmo, quando eravamo ragazzi e ci piaceva ascoltare in radio le canzoni che sarebbero rimaste per sempre nei nostri ricordo… Addio, Maestro Boncompagni… Grazie di tutto. Agli amici che vogliono riascoltare quel disco, quel 45 giri del 1965… eccolo qui… lo si trova anche su you tube. Ma io lo ascolto ancora, come allora, sul mio vecchio giradischi… 

Rispondi