Home / Sport / I collegamenti AST con il nuovo orario: domenica non se ne parla!

I collegamenti AST con il nuovo orario: domenica non se ne parla!

CON L’ORA LEGALE, STABILITI NUOVI ORARI PER LE CORSE DEGLI AUTOBUS CITTADINI. LE NOVITA’? LA SANIFICAZIONE DEI MEZZI E IL RISPETTO DELLA DISTANZA TRA I PASSEGGERI. LA DOMENICA ED I FESTIVI NON AVREMO AUTOBUS, MA QUESTA NON E’ UNA NOVITA’!

L’entrata in vigore dell’ora legale coincide con la comunicazione dell’AST che informa del cambio degli orari in vigore per i collegamenti da Milazzo porto per tutte le destinazioni previste nel programma urbano di percorrenza.

Saranno garantite le SETTE CORSE QUOTIDIANE dal porto alla stazione e SEI CORSE per il tragitto inverso.

Saranno TRE i collegamenti, per l’andata e il ritorno, per le destinazioni di Ospedale,Olivarella ed il Capo; DUE CORSE giornaleire per le frazioni della piana: S. Marina, Fiumarella e S.Marco.

Il servizio è SOSPESO, e ciò avverrà anche in estate, NELLE FESTIVITA’, così come ormai accade da otto anni. 

PER UN ALTRO ANNO ANCORA QUINDI CHI ARRIVA ALLA STAZIONE SARA’ FORTEMENTE PENALIZZATO, E NULLA SI E’ FATTO PER ANDARE INCONTRO ALLE ESIGENZE DEI VIAGGIATORI, che dovranno servirsi di altri collegamenti o addirittura raggiungere a piediil centro urbano o la stazione, quando si deve partire.

CI SI AUGURA CHE AL PIU’ PRESTO VENGA TROVATA UNA SOLUZIONE, POICHE’ NON E’ UNA BUONA PUBBLICITA’ PER UNA CITTA’ TURISTICA (E A PAROLE MILAZZO LO E’…) LASCIARE A PIEDI I VIAGGIATORI.

Il comuncato evidenzia le novità apportate per allontanare sui mezzi pubblici i rischi legati alla diffusione del contagio del nuovo Sars-Cov-2. Innanzitutto misure preventive per la sanificazione quotidiana degli interni e soste tecniche per arieggiare; tra i passeggeri rispetto di distanze ed evitare contatti con le superfici e per gli autisti l’utilizzo dei dispositivi e supporti di divisione per sigillarli dai viaggiatori eliminando le operazioni di pagamento a bordo.

E dire che per decenni ci eravamo abituati ad altro, con autobus (e ci riferiamo a quelli dedicati al trasporto scolastico) che viaggiavano strapieni e con passeggeri ammassati l’uno sull’altro.

Ci voleva la pandemia per fare rispettare basilari NORME DI SICUREZZA!  

Commenti

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.