Home / Sport / Il 4 giugno si farà il mercato: ma è “una sperimentazione”!

Il 4 giugno si farà il mercato: ma è “una sperimentazione”!

SI RITORNERA’ A MONTARE SUL TERRENO DEMANIALE. ADESSO BISOGNA VEDERE COME SI COMPORTERANNO LE PERSONE. LA PROSECUZIONE DIPENDE DA LORO! 

Ecco il comunicato stampa del comune di MILAZZO.

Prot._n. 265 dell’01/6/2020.

COMUNICATO STAMPA

Mercato settimanale, giovedì 4 giugno si riparte

Dopo il nulla di fatto della scorsa settimana, giovedì 4 giugno riprenderà il mercato settimanale del giovedì. Questa mattina a palazzo dell’Aquila un incontro tra l’Amministrazione e gli operatori del mercato ha permesso di chiarire diversi aspetti legati all’organizzazione del mercato e soprattutto l’equivoco legato – così è emerso – ad un difetto di comunicazione tra i rappresentati delle sigle sindacali e i rappresentati.
E alla fine del confronto si è trovata un’intesa. Ovviamente – e il sindaco Giovanni Formica ha inteso puntualizzarlo – si tratta anche stavolta di una sperimentazione.
Nello specifico si è deciso di operare esclusivamente all’interno dell’area demaniale di Ponente, ovvero dove sino ad oggi si è sempre svolto l’appuntamento settimanale. Gli ambulanti infatti hanno concordato sulla necessità di mantenere i banchi di vendita nell’originaria riducendoli però, sia in larghezza che in profondità, per garantire un corridoio centrale di ampiezza variabile tra 9 metri nel punto più largo e di 8 metri nel punto più stretto.
Gli esercenti provvederanno anche ad assicurare la presenza di gel igienizzante e guanti da utilizzare per gli acquisti e cureranno l’informazione sulle misure di sicurezza da rispettare agli avventori.
“Siamo ben lieti che la discussione sia non solo ripresa ma anche avuto un epilogo proficuo e produttivo – ha detto il sindaco – e quindi ripartimento. E’ chiaro però che il mantenimento del mercato dipenderà, dal senso di responsabilità delle persone e dalla loro capacità di rispettare le regole”.  

 

L’Ufficio Stampa

Commenti

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.