Home / Di tutto un pò / IL NUOVO SEQUESTRO DI MERCE AVARIATA A MILAZZO.

IL NUOVO SEQUESTRO DI MERCE AVARIATA A MILAZZO.

IL TERZO IN POCHI GIORNI, COME LEGGIAMO SU “IL DIARIO METROPOLITANO“. SE SOLO SAPESSIMO DOVE E’ DESTINATA… E CHI SONO I DELINQUENTI CHE LA SPACCIANO PER BUONA AI CLIENTI! 

Superlavoro per la Polizia Stradale di Barcellona, che sulla litoranea di ponente ha fermato un furgone che trasportava pesce congelato (per modo di dire) e altri prodotti avariati! Il terzo sequestro, e non sarà nemmeno l’ultimo, ci viene da pensare. Perchè ci saranno sempre dei criminali che si riforniscono di merce adulterata, per spacciarla ai clienti come “fresca, freschissima” e farla pagare a peso d’oro una volta giunta sulla tavola e cucinata. Servizio incluso, logicamente! A meno che i criminali non siano coloro che hanno intenzione di disfarsi di merce in cattivo stato di conservazione, e approfittano della buona fede (o dabbenaggine, la differenza è minima…) dei ristoratori, o di gestori di pubblici esercizi. I quali, secondo noi, se vengono periodicamente presi per i fondelli da chi riesce a fare loro il pacco, dovrebbero cambiare mestiere! Perchè non è possibile che non si accorgano di prodotti vistosamente avariati, di alimenti la cui data di scadenza è stata abbondantemente superata, dei prezzi che vengono richiesti. Se questi ultimi fossero proprio stracciati, avrebbero da pensare che qualcosa non quadra. Se invece non lo sono, in cambio di quel che viene consegnato c’è da dire che sugli occhi hanno fette di prosciutto! Anch’esso avariato!

Per avere noi consumatori quella certezza che ci permetterebbe di continuare a frequentare ristoranti, trattorie, paninerie, pizzerie, tavole calde, in una parola pubblici esercizi, sarebbe consigliabile lasciare che quei furgoni giungano a destinazione. E quindi effettuare dei blitz con i NAS, i quali non amano chiudere un occhio, ma i locali! Per la tutela del consumatore. Ma dalle bollette di accompagnamento è facile sapere quel è la destinazione finale! Quindi, non aggiungiamo altro. Anzi una cosa sola: pubblicizzate il nome di chi avrebbe utilizzato quella merce per intossicare i clienti. Altro che sanzioni… Fare terra bruciata con certi elementi: e state pur certi che la finirebbero di arricchirsi con i polli. Che siamo noi consumatori…

 

Rispondi