Home / Società / IL PROF. GIOVANNI PRACANICA, UN GRANDE UOMO TROPPO PRESTO DIMENTICATO

IL PROF. GIOVANNI PRACANICA, UN GRANDE UOMO TROPPO PRESTO DIMENTICATO

prof pracanicaUNA LETTERA, FRA LE TANTE ALTRE CHE RICEVIAMO ORMAI OGNI GIORNO, CHE RICHIAMA L’AMMINISTRAZIONE AI SUOI OBBLIGHI…

Ho avuto modo di leggere su questo giornale interessanti interventi dei cittadini che hanno evidenziato agli Amministratori Comunali diversi aspetti dei problemi della città di Milazzo. Il mio argomento vuole trattare un tema non meno importante di quelli già pubblicati perché fa parte della storia recente di questa nostra Milazzo e che, sicuramente, interpreta il desiderio e la volontà di tanti, ma tanti, cittadini milazzesi. Mi permetto di ricordare agli Amministratori, che nella nostra Città ci sono stati uomini di indiscutibile e riconosciuta statura professionale che hanno lasciato tracce indelebili del loro passaggio nello scenario della vita milazzese (e non solo). Purtroppo queste tracce sono state inspiegabilmente cancellate o dimenticate, forse per fattori e convenienze politico-sociali che, pur lecite, non dovevano togliere nulla a chi meritava un visibile e tangibile riconoscimento di gratitudine da parte della Città di Milazzo. L’Uomo a cui mi riferisco, si identifica nella magnifica figura del compianto Prof. Giovanni Pracanica, Libero Docente di Patologia Chirurgica e Propedeutica Clinica e Terapia Clinica Chirurgica nell’Università di Messina; specializzato in molteplici branche della chirurgia fra cui: Chirurgia Toracica e Chirurgia Urologica; autore di innumerevoli pubblicazioni scientifiche; socio ordinario e socio fondatore di numerose società scientifiche nazionali; ha fondato e diretto personalmente, la “Società Medico Chirurgica Mamertina”. La vita di questo Uomo è stata dedicata per più di 50 anni unicamente alla cura e alla salvezza della vita di migliaia di milazzesi (e non solo tali) prestando la Sua opera, prima, come Direttore Sanitario e Primario Chirurgico, nel vecchio ospedale di “Vaccarella” e dopo in quello di Grazia, ora intitolato al dott. Giuseppe Fogliani, ancora come Primario Chirurgico. Certamente non basta lasciare solo alla memoria di tantissima gente la statura del Professore Giovanni Pracanica noto per la Sua indiscussa professionalità, per la Sua grande preparazione, per la Sua immensa umanità e per la Sua totale dedizione alla vita degli ammalati. Egli è stato un uomo che con i suoi continui studi, aggiornamenti e interventi nel campo della medicina e chirurgia, ha salvato centinaia di ammalati provvedendo, nello stesso tempo, alla formazione professionale dei medici ospedalieri trasmettendo loro anche quella stessa carica umanitaria che ancora oggi resta nello spirito di quei medici che lo ricordano come faro di vita onesta, pura, mai contaminata da quei compromessi di convenienza che avrebbero potuto ledere la sopravvivenza dell’ospedale e dei pazienti trattati, tutti, come propri figli affettuosi. Chi non vuole ricordare questa figura carismatica del Prof Giovanni Pracanica non può essere ritenuto protagonista della storia di Milazzo, ma è un semplice opportunista ingeneroso e poco degno di ritenersi “artefice di una Milazzo che conta”. Sino ad oggi quale gratitudine ha dimostrato la Città di Milazzo per tale “missionario”? Se gli Amministratori esercitano i loro poteri anche per il benessere dei Milazzesi, non possono trascurare gli aspetti morali e i doveri di riconoscenza verso uomini che hanno contribuito a tenere alto il prestigio di Milazzo, non per semplici attività politiche, ma per impegni professionalmente umanitari. La Città di Milazzo, che le Autorità rappresentano, dovrebbe sentire doveroso e onorevole lasciare ai posteri il ricordo di questo “Uomo” dedicandogli almeno un busto in quei luoghi di ”Vaccarella” dove era ubicato il “Suo” primo amato e glorioso ospedale, simbolo di una città fiorente e faro di tanta gente, che illuminava di speranza le sofferenze del popolo milazzese. Ancora oggi la figura del Professore Giovanni Pracanica è, e deve essere, esempio di virtù e dedizione ai malati per le nuove generazioni mediche che nulla devono alla politica, ma alla propria professionalità il cui unico obiettivo è la salute dei cittadini. Questo è il minimo impegno fattivo che si chiede a questa Amministrazione Comunale per un uomo che ha contribuito a mantenere alto il nome e il prestigio degli ospedali di Milazzo. 

Firmato: “Anonimo Cittadino”

NOTA DEL DIRETTORE: Giova ricordare che lo scorso mese di aprile al prof. Giovanni Pracanica è stato conferito il premio TERMINAL 2015 alla MEMORIA per la sua alta opera in campo medico. Quindi la sua figura è ancora viva in noi che tramite il giornale vogliamo che i nostri uomini illustri siano ricordati dalle nuove generazioni!

Rispondi