Home / Di tutto un pò / IL PUNTERUOLO ROSSO COLPISCE ANCORA!
Italpane

IL PUNTERUOLO ROSSO COLPISCE ANCORA!

PUNTERUOLO… E IL VERDE PUBBLICO DI MILAZZO RISCHIA GROSSO.

Quelle nella foto sono le prime due palme – lato nord – della Marina Garibaldi. Anche chi è digiuno di botanica capisce che hanno staccato il biglietto per l’oltretomba ammesso che ne esista uno anche per le palme. Dopo tanto allarme, dopo la falcidia di milioni di questi esemplari, non paghi e riconoscenti alla buona sorte che le aveva risparmiate tenendo lontano da esse e solo da esse il punteruolo malefico, ecco che ci facciamo sorprendere come tanti sprovveduti, disattenti e privi di amor “patrio”. Certo, ora, ammesso che i nostri Governanti intendano percepire in tutta la sua essenza questo grido di dolore, tutti correranno al capezzale del moribondo con la faccia tosta di chi ha saputo la notizia proprio all’ultimo momento e si premura di fare la visitina di circostanza, magari col viso contrito e qualche falsa lacrimuccia. Questa però, è vera vergogna per tutti. A cominciare da noi cittadini che solo oggi abbiamo notato che una delle due palme è già morta e che l’altra la seguirà a ruota. L’appello è di lasciare da parte ogni cosa, di inventarsi qualunque strategia e “medicina” per curare, accudire, salvare quelle palme, decoro primario della nostra città. Solo così – se ci riusciamo – potremo salvare anche l’onore. Amministrazione: sei pregata di intervenire “ieri” quando, cioè, avresti dovuto prevenire e poi curare nel caso di fallimento della cura preventiva.

Cercate di immaginare se la Marina Garibaldi divenisse man mano “calva”: sarebbe uno scempio di sovrumane dimensioni ed a nulla varrebbero tutte le sommosse di popolo (postume come al solito) per sopperire al disdoro che ne verrebbe per tutti. L’intervento deve essere immediato; quelle palme vanno sfoltite, ripulite e poi trattate come la tecnica botanica prescrive. Speriamo che l’appello abbia il seguito dovuto e che nessuno, amore a parte, abbia la leggerezza di disattendere o di “non sapere”

Rispondi