Home / Satira / IL RIONE DI SAN GIOVANNI E LA STRAGE DEGLI INNOCENTI!
Italpane

IL RIONE DI SAN GIOVANNI E LA STRAGE DEGLI INNOCENTI!

SAN GIOVANNICURIOSA MANIFESTAZIONE PER UN TRISTE ANNIVERSARIO… STRANI GLI INVITI…

Ci giunge una segnalazione, con annessa foto del manifesto, con preghiera, al solito, di dare noi una nostra versione del fatto. Ricorrendo naturalmente alla satira con la quale abbiamo qualche dimestichezza e commentando, se è il caso, l’episodio! La cosa ci lusinga e non vi nascondiamo che ci turba al tempo stesso! Che a Milazzo ci sia un Sindaco che si chiama GIOVANNI, ormai lo sappiamo; che la sua devozione al Battista sia stata dimostrata, lo sappiamo pure perchè la sua partecipazione alla processione in seminotturna non è passata inosservata! Ma che la manifestazione del 29 agosto scorso sia stata organizzata in suo onore, o per fargli cosa gradita (sapendo la sua devozione al Santo), non ci pare. Cose c’è di male se a San Giovanni, la locale associazione “San Giovanni Battista” abbia organizzato un evento? Intanto è strano che l’evento sia stato organizzato “in occasione del MARTIRIO DI SAN GIOVANNI BATTISTA“! E non crediamo che in occasione di un martirio si debba organizzare una festa: semmai una veglia, una preghiera, un incontro all’interno della chiesetta, un momento di riflessione. Signori, si tratta di UN MARTIRIO. Se non ricordate cosa sia successo al povero Giovanni che predicava l’avvento del Messia, suscitando le ire del re Erode che non osava toccarlo per timore di scatenare le ire del popolo, ve lo diciamo noi: gli tagliarono la testa, che fu offerta a Salomè (quella della danza dei sette veli, che non è una torta…) su un vassoio! Secondo quanto riportato nel manifesto, a San Giovanni il 29 agosto c’era una festa! Proprio così, amici: una festa! Magari alla presenza di Erode! Perchè, udite udite, alla festa vengono invitati TUTTI I BAMBINI! Ma l’Associazione San Giovanni non ricorda che sempre Erode si rese colpevole di una strage, giunta fino a noi con il nome di “strage degli innocenti”? Dobbiamo stare qui a ripassare il Vangelo o chiederci se a compiere la strage fosse stato lo stesso Erode che decapitò il Battista, al trono dal 4 a.C., o il padre di costui (morto proprio nell’anno 4 a.C. e prima della nascita di Cristo) e ritenuto responsabile, secondo noi erroneamente visto che era già morto, del sangue di tanti bambini (qualcuno tende addirittura a minimizzare l’accaduto, considerando la popolazione di Betlemme all’epoca e fissando in VENTI il numero dei bambini uccisi, come se per fare una strage ne occorrano centinaia!). E a questi bambini invitati cosa sono stati offerti? Giochi, e più! GRATUITAMENTE! Una SERATA SPECIALE, secondo chi ha avuto la poco felice pensata! E alla fine? Decapitazione anche per loro, come nelle migliori organizzazioni delle feste di Erode? No, qui Erode non c’era, ma ciò non toglie che chi ha mandato a noi la foto del manifesto abbia voluto far risaltare un’organizzazione di pessimo gusto, che offende chi ha un po’ di buon senso e chi crede che non bisogna in alcun caso mischiare il sacro con il profano! Non siamo in grado di conoscere le reazioni del Parroco, nè della Curia. Ma dopo questa pubblicazione, che farà il giro del mondo per la singolarità dell’evento (sì, qui a Milazzo le cose vengono fatte in esclusiva, per fare colpo!)  saremmo curiosi di sapere quanti si metteranno a ridere per non piangere. Nella giornata della festa di Santo Stefano siamo riusciti a dare spazio a… San Giovanni! Da anni si dice che la festa di San Giovanni sia superiore a quella del Patrono. E ci pare che oggi si parlerà più di San Giovanni e della strage degli innocenti piuttosto che di Santo Stefano! 

1 Commento

  1. Ma d’altra parte, Milazzo è quella strana città in cui i Santi si festeggiano sempre nei giorni più strani: S.Francesco due mesi dopo il suo giorno, santo Stefano quattro mesi prima del suo giorno, san Giuseppe altrettanto .Da non milazzese,ma qui residente da oltre un trentennio, ogni volta mi scervello a cercare sul calendario il santo a cui sento dedicare i vari “botti. Ma forse sono io che ho sempre il calendario sbagliato!

Rispondi