Home / Società / IL RIPETITORE DI VACCARELLA? CHI HA ABUSATO?

IL RIPETITORE DI VACCARELLA? CHI HA ABUSATO?

DALL’AUTORIZZAZIONE COMUNALE RILASCIATA SPUNTANO LE PRIME INDISCREZIONI…

ripetitoreUn’autorizzazione rilasciata il 12 agosto! Ecco quanto emerge dalle carte in possesso di chi sta facendo di tutto per chiedere che il ripetitore di VACCARELLA venga rimosso! Beh, se c’è un’autorizzazione, direte voi, cosa c’è di male? Tutto in regola! Certamente… solo che c’è un piccolo significativo particolare che confermerebbe il reato commesso. A quanto pare infatti il sopralluogo dei Carabinieri sarebbe avvenuto in data antecedente, e precisamente giorno 11. Proprio in quella data erano iniziati i lavori di installazione di quello che qualcuno da definito il MOSTRO DI VACCARELLA! A parte il fatto poi, ci è stato detto, che nella carta consegnata a chi aveva fatto richiesta, e che non era l’Amministratore dello stabile, ma solo il proprietario della porzione di terrazza sulla quale il manufatto doveva essere installato, l’indirizzo non teneva conto dell’esatta localizzazione dello stabile stesso, che a seguito dell’apposizione della nuova numerazione civica non si trova in Via Lungomare Garibaldi, 95, ma in un altro numero! Quindi chi aveva il dovere di verificare, NON HA VERIFICATO, e quindi una colossale omissione da parte dell’Ente che ha concesso l’autorizzazione; e chi ha presentato la domanda, NON HA RIPORTATO L’ESATTA NUMERAZIONE CIVICA, che risulterebbe corrispondere al vecchio indirizzo di casa, e quindi un clamoroso falso in atto pubblico, che dà lavoro ai legali che si interesseranno della vicenda! Restiamo in attesa di conoscere gli ulteriori sviluppi di una questione che ha scombussolato la vita di un quartiere facendo emergere notevoli contasti fra i residenti della zona e di quelle circostanti rispetto all’interesse di chi ha richiesto l’installazione di un ripetitore senza tenere conto di chi nello stesso stabile risiede e ha tutti i diritti a vedere tutelata la propria salute. E nel frattempo prendiamo atto che esistono installazioni simili nella stessa città di Milazzo, stando a quanto ci viene segnalato dopo il polverone sollevato dal mostro di Vaccarella! Anche se si tratta di terreni privati, e ci riferiamo agli altri casi, ci chiediamo infatti che diritto hanno i proprietari dei terreni nei quali i ripetitori vengono installati di disporre LORO STESSI DELLA SALUTE di chi risiede nella porta accanto! Un bel guazzabuglio, che potrebbe portare anche alla modifica delle disposizioni di legge in merito! 

Rispondi