Home / Comunicati / IL SOTTOSEGRETARIO RISPONDE ALL’ON. MADAUDO: LA CORTE D’APPELLO NON CHIUDE!
Italpane

IL SOTTOSEGRETARIO RISPONDE ALL’ON. MADAUDO: LA CORTE D’APPELLO NON CHIUDE!

COMUNICATO STAMPA

Il Sottosegretario Ferri risponde all’On. Madaudo escludendo la chiusura della Corte d’Appello di Messina

 

SAMSUNG CAMERA PICTURES

Il Sottosegretario di Stato alla Giustizia Cosimo Ferri ha risposto alla nota dell’On. Dino Madaudo, già Sottosegretario di Stato alle Finanze ed alla Difesa, in merito alla ventilata chiusura della Corte d’Appello di Messina. Ferri ha rassicurato Madaudo che l’importante ufficio giudiziario messinese non verrà soppresso nonostante la sua chiusura sia presente nel “Piano Vietti” per la riforma dell’ordinamento giudiziario. L’On. Dino Madaudo soddisfatto del suo interessamento ha ringraziato Cosimo Ferri per il suo intervento a favore della Città di Messina. Madaudo già in passato si era occupato più volte per la difesa della Corte d’Appello, come nel 1993 con una specifica interpellanza parlamentare al Ministro degli Interni ed a quello della Giustizia che scongiurò la chiusura dell’importante ufficio giudiziario.

L’On. Dino Madaudo, per diversi mandati Consigliere Comunale di Messina, dal 1979 e per quattro legislature fu Deputato al Parlamento Italiano per il Partito Socialista Democratico Italiano. È stato componente delle Commissioni Parlamentari: Trasporti, Difesa, Industrie e Commercio, Affari Costituzionali, Lavoro e Previdenza Sociale, Affari Sociali e Finanze. Sottosegretario di Stato per le Finanze nel governo di Ciriaco De Mita, nel sesto e settimo governo di Giulio Andreotti e Sottosegretario alla Difesa nel primo governo di Giuliano Amato.

COMMENTO, E SIAMO A DUE: Mentre il Ministro dell’Ambiente dichiara che la Raffineria si “trasferirà” altrove se dovesse essere pericolosa, il Sottosegretario alla Giustizia FERRI, al quale si è rivolto l’on. Madaudo, rassicura che la Corte di Appello di Messina non si tocca, e che non chiuderà… Non vorremmo aver fatto confusione con le notizie… Ma ci possiamo fidare?  

Rispondi