Home / Di tutto un pò / INCIDENTE AL TONO, IL RACCONTO DEI TESTIMONI E LE CONDIZIONI DEL MOTOCICLISTA

INCIDENTE AL TONO, IL RACCONTO DEI TESTIMONI E LE CONDIZIONI DEL MOTOCICLISTA

RICOSTRUITA PER IL NOSTRO GIORNALE LA DINAMICA DEL SINISTRO, L’ENNESIMO AVVENUTO AL TONO, MA L’UNICA NOSTRA PREOCCUPAZIONE, oltre a stabilire la verità, è sapere che le condizioni di salute del giovane motociclista rimasto coinvolto, non certo per colpa sua, possano migliorare. E siamo certi che i medici che lo hanno in cura faranno di tutto per rimetterlo in sesto, permettendo il suo ritorno a casa. Dove, circondato dall’affetto e dall’amore dei suoi cari e degli amici possa dimenticare la disavventura di un pomeriggio afoso milazzese. 

Siamo stati raggiunti da telefonate da parte di amici comuni, nostri e dello sfortunato centauro, che conosciamo da tantissimi anni e che abbiamo anche visto crescere. E queste telefonate hanno proprio voluto puntualizzare che il ragazzo non ha alcuna colpa, che si è visto davanti il furgone, che procedendo da direzione Sud – Nord, quindi verso il Tono, ha improvvisamente svoltato a sinistra per parcheggiare nella piazzola di sosta fuori dalla sede stradale, e che il motociclista si è trovato di fronte un ostacolo non considerato. La frenata improvvisa ha provocato la caduta e il successivo urto: e mentre il motociclista andava a sbattere contro il furgone, la moto finiva contro il palo della pubblica illuminazione. Quindi non è stato il motociclista a finire contro il palo, così come era stato raccontato prima, a caldo e in base alle supposizioni tendenti a stabilire la dinamica. Anche l’autovettura rimasta coinvolta nel sinistro non è andata a sbattere, così come sembrava, contro il furgone, ma è stato il furgone, che nella retromarcia l’ha urtata! Adesso saranno le forze di Polizia a stabilire l’esatta dinamica, ma non potranno fare a meno di considerare anche i racconti di quanti, sul luogo del sinistro, hanno prestato i primi soccorsi alle persone le cui condizioni di salute sono subito apparse preoccupanti, dopo avere accertato che altri avevano subito solo danni lievi.

 

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.