Home / Società / INCIDENTE STRADALE: MOTO FINISCE IN UNA BUCA!

INCIDENTE STRADALE: MOTO FINISCE IN UNA BUCA!

 

BUCA COMANDO VIGILI URBANIQUEL CHE SI TEMEVA SI E’ INFINE AVVERATO. E ORA? DI CHI LE RESPONSABILITA’?

Buche, sempre buche, con transenne incorporate, che sono degli optional… E cosa succede quando si rinuncia all’optional? Probabilmente l’incidente, più o meno grave! In Via San Paolino un’enorme buca, una delle tante: è di tutti ed ognuno ha libera fruizione di quella pozzanghera fangosa che si ripropone ogni santo giorno senza particolarità per nessuno. L’accesso è libero (non come alla Piscina Comunale dove fanno pagare il pizzo), ed ognuno può servirsene tutte le volte che vuole. Certo non si può fermare a sguazzare nell’acqua, disturberebbe tutti gli altri che desiderano accedere. Attenzione, però, a fermarsi c’è il rischio di restarci dentro. Annegati o quasi! Non essendo molto profonda, non potrà essere omologata, perciò gare ufficiali, niente! Oggi c’è una barriera, la stessa che ieri, nel tardo pomeriggio, era ben distesa per terra sospinta dal vento o da qualche auto che l’ha vista all’ultimo momento dato che non c’è alcun cartello di preavviso messo a distanza regolamentare. La situazione è così da quasi un mese e i disagi non mancano specialmente con la pioggia. Ma proprio ieri sera, verso le ore 22, si è verificato un incidente proprio a causa della sconnessione della strada e dell’invisibile segnalazione del pericolo. Proprio davanti al Comando Vigili urbani! E’ strano che l’Ufficio Tecnico del Comune non sia intervenuto a porre in sicurezza la strada, creando quindi disagi al Corpo di Polizia Municipale che devono effettuare interventi di emergenza e di protezione civile. Ma se l’Ufficio Tecnico non è intervenuto perchè NON E’ GIUNTA ALCUNA SEGNALAZIONE? Se così fosse , dovremmo pensare che per oltre un mese nessuno, del Comando Vigili, si sia presa la briga di segnalare un pericolo per la circolazione e per le persone, e per di più DAVANTI ALLA LORO SEDE. E questo non lo stiamo dicendo noi: noi stiamo solo riferendo quanto qualcuno ha sussurrato, dopo l’incidente e in attesa del pronto Soccorso, all’Ospedale. Sapete, la città è piccola, la gente mormora. Se poi qualcuno deve pagare per aver sottovalutato, per oltre un mese, una situazione che rientra nella normalità, significa che dobbiamo abituarci a scansare le buche, per evitare di finirci dentro perchè non si riesce a garantire la sicurezza dei cittadini e dei veicoli, e nessuno segnala! E’ il caso che il Comandante si faccia sentire e metta in mora chi di dovere. Transennare ad ogni piè sospinto invece di provvedere non può diventare la norma o dogma al quale supinamente fare acquiescenza per fede. 

1 Commento

  1. Ma se era disposta la segnaletica in entrambi i sensi… si è messa da sola nel tempo?

Rispondi