Home / Di tutto un pò / ISOLA PEDONALE? MA NON PRENDIAMOCI IN GIRO!

ISOLA PEDONALE? MA NON PRENDIAMOCI IN GIRO!

FORGONE IN VIA MEDICINON E’ POSSIBILE! AVREMMO USATO UN TERMINE PIU’ PESANTE, MA I LETTORI HANNO CAPITO BENISSIMO! ECCO COSA E’ SUCCESSO OGGI, CON FOTO E TESTIMONI…

Ma quando mai! Se non avessi visto con i miei occhi non avrei creduto sentendomelo raccontare. Da quanto è dato vedere (cioè si parla cose  concrete), l’esperimento ha il sapore della burla, o – quanto meno – l’intento è serio e mirato ma attuazione è pari a zero perché l’indisciplina ha preso il sopravvento sulle vecchie/buone maniere di sanzionare giustamente. Siamo al punto che “chi sbaglia paga” non è più di moda. Il perché di qualche incredulo è d’obbligo, ma la spiegazione è semplicissima:

Oggi, anno di grazia 2015, addì 21, del mese di dicembre, alle ore 12 circa si è  visto di tutto in Marina Garibaldi.

  • Un grosso furgone fermo davanti la Chiesa di San Giacomo con relativo spostamento delle barriere New -Jersey (vedi foto);
  • Appena partito il furgone – con barriere non rimesse al loro posto – si è verificato l’immediato “travaso” di autovetture verso la Via Ryolo essendo il traffico sulla corsia lato mare bloccato. Parecchie auto, quindi, si sono immesse nella zona pedonale laddove nessuno (in questo periodo) si aspetta di essere calpestato da quei conducenti che, in questo caso, – consapevoli dell’abuso – attraversavano la Marina velocemente per infilarsi – sgattaiolando – verso la Ryolo;
  • Si sono viste autovetture transitare lungo tutta la carreggiata lato negozi, “oggi protetta”, senza esitazione alcuna;
  • Si è vista una signora (!) conducente, attraversare le strisce pedonali longitudinalmente e portarsi dalla corsia lato mare a quella lato monte, per infilarsi in uno stallo di quelli a “cassonetto” – Se ci fossero stati i paletti dissuasori sulle strisce pedonali (sulla necessità di tali sbarramenti si è già scritto senza esiti né risposte) la signora(!) avrebbe avuto un bell’impatto a futura memoria per lei e per quanti altri fanno lo stesso percorso “auto-agevolante”.
  • Inoltre, tutti gli stalli a “cassonetto” sono occupati da autovetture: Ma da dove entrano e come escono? – Sono autorizzati? –  Sono dei negozianti muniti di apposito pass per questo periodo? – Non è dato sapere!
  • Fatto sta che con questo passeggio – quand’anche autorizzato – si snatura e si vanifica il concetto di isola pedonale e si espone la gente – ignara – a rischio. Ed i bambini, spesso non accompagnati? – Tanto è doveroso riferire.

P.S. Una dimenticanza: sul posto c’erano ben tre Vigili (nella foto si vede anche l’auto). No comment! Intanto, ognuno dei trasgressori è potuto rientrare a casa senza avere l’amaro in bocca di una bella multa (e se la sarebbe meritata). Pazienza, sarà per la prossima volta (???).

Viene in mente un giornalino per bambini di decenni addietro col Signor Bonaventura: “Alla prossima che mi fai, ti licenzio e te ne vai”.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.