Home / Musica / LA CANZONE DI OGGI, 11 APRILE, a cura di Radio Casa mia

LA CANZONE DI OGGI, 11 APRILE, a cura di Radio Casa mia

CAPOVOLGIMENTO AI VERTICI DI QUESTA GARA MUSICALE GIORNALIERA! SEPPURE DI POCO, I NEW TROLLS SCALZANO DON BACKY DAL PRIMO POSTO. MA NON ABBIAMO ANCORA FINITO. QUESTO MOTIVO, SECONDO VOI, RIUSCIRA’ AD ESSERE PIU’ ASCOLTATO DI TANTI ALTRI PROPOSTI FINO AD OGGI?

Non tutti ricordano una giovanissima Fiorella Mannoia al Disco per l’estate 1969, con GENTE QUA GENTE LA’, canzone che non le diede assolutamente popolarità: apprezzata esclusivamente come controfigura di Monica Vitti e Lucia Mannucci dei Cetra, deve attendere gli anni 80 per avere riconoscimenti tangibili in campo musicale, nonostante abbia alle spalle un’esperienza notevole come cantante. E sarà proprio il Festival di Sanremo a tributarle un po’ di popolarità. E’ il 1981, canta e giunge in finale con CAFFE’ NERO BOLLENTE, ma sarà l’inizio di una carriera fortunata, e finalmente il grosso pubblico si accorge della sua bravura. Seguiranno due partecipazioni (nel 1981 e nel 1983) al Festivalbar; mentre nel 1984 ritorna a Sanremo con COME SI CAMBIA. La trasmissione televisiva Premiatissima la vedrà prevalere su altre cantanti molto più famose, come Orietta Berti, Patty Pravo, Iva Zanicchi, Marcella, Dori Ghezzi. Preferisce manifestazioni estive di ampio respiro, e nel 1985 giunge seconda al Festivalbar con L’AIUOLA. Il 1986 l’attende per il grande salto: esce SORVOLANDO EILAT, ennesima partecipazione al Festivalbar; quindi nel 1987 il Festival di Sanremo, dove vince il premio della critica con il brano QUELLO CHE LE DONNE NON DICONO, scritto da Enrico Ruggeri e Luigi Schiavone, che seguiranno la cantante per anni firmando motivi intensi per musicalità e molto apprezzati dal pubblico e dalla critica. Rimasta in Hit Parade per diverse settimane, la canzone ha continuato ad avere un enorme successo, facendo anche da colonna sonora per programmi e pubblicità e molte volte anche film e riuscendo addirittura a vincere il disco d’oro per le vendite online nel 2011, 24 anni dopo la sua pubblicazione. Richiestissima ai concerti dell’artista, è senza dubbio la canzone più amata e popolare di Fiorella Mannoia, che continua ancora oggi a sovrastare la sua lunga produzione musicale; e questo nonostante l’eccellenza di tanti altri suoi motivi. Eccola, tutta per voi. 

Rispondi