Home / Musica / LA CANZONE DI OGGI, 12 APRILE, a cura di Radio Casa mia

LA CANZONE DI OGGI, 12 APRILE, a cura di Radio Casa mia

CLAMOROSO FLOP DEL BRANO DI IERI, UNO DEI PIU’ BELLI E RICHIESTI DELLA MUSICA LEGGERA ITALIANA: FORSE NON GRADITO DAI LETTORI DI QUESTA RUBRICA. MENTRE OGGI E’ DI SCENA UNO DEI PRIMI CANTAUTORI, PASSATO DAI BRANI BALNEARI A QUALCOSA DI PIU’ IMPEGNATO E GRADITO… COSA SI PROSPETTA PER LUI?

I primi anni 60 ci fecero conoscere i cantautori: diversi sotto certi aspetti, proponevano canzoni scritte e composte da loro stessi, per dare il via ad un nuovo filone musicale che, con il tempo e solo dopo la morte di Luigi Tenco, avrebbe destato gli italiani dal loro torpore e fatto apprezzare cantanti e musiche. Cantautore fu pure Edoardo Vianello, il quale proponeva sì qualcosa di alternativo, ma solo per divertire. Al punto che nessuno prestò attenzione al fatto che lui stesso componesse e cantasse i suoi motivi scacciapensieri: IL CAPELLO, PINNE FUCILE ED OCCHIALI, ABBRONZATISSIMA, GUARDA COME DONDOLO, I WATUSSI avevano solo il compito di divertire, spesso lanciando nuovi balli o proponendoli al pubblico delle balere, ma anche a chi, in casa, durante le feste da ballo, andava alla ricerca di un twist, di un madison, di un hully gully, di un surf… Curiosamente, i brani arrivavano puntualmente ai vertici delle classifiche, stazionando per settimane al primo posto; e questo la diceva lunga non solo sui gusti degli italiani, ma soprattutto sul fatto che in quegli anni tutti, indistintamente, vivevano il boom, il miracolo economico. Ad un certo punto Vianello decise di cambiare, ma solo per una volta, genere. E si imbarcò sul melodico, sperando di fare breccia. Ci riuscì, con una canzone che gli tolse di dosso, per una volta, i panni del cantante balneare, con i suoi ritmi scanzonati, e consacrandolo personaggio di grande spessore artistico e musicale. La canzone è O MIO SIGNORE, che giunge anch’essa al primo posto. Non sarà solo una parentesi: anche se brani come LA TREMARELLA o IL PEPERONE incalzavano, la seconda metà degli anni 60 aveva bisogno di nuovi temi, di nuove soluzioni musicali. La lunga estate stava finendo…Ecco a voi O MIO SIGNORE… Buon ascolto.  

Rispondi