Home / Musica / LA CANZONE DI OGGI, 30 APRILE, a cura di Radio Casa mia
Italpane

LA CANZONE DI OGGI, 30 APRILE, a cura di Radio Casa mia

DOMENICA, NULLA DI MALE SE PROPONGO IL BRANO DI OGGI CON LEGGERO ANTICIPO. IN QUANTO ALLE VOSTRE PREFERENZE, HA PRESO IL LARGO “TE LO LEGGO NEGLI OCCHI”! VEDIAMO COME SI COMPORTA QUESTO MOTIVO…

Roberto Satti vale per l’anagrafe. Per il pubblico l’imposizione del nome d’arte è una regola. Traducendo il Roberto in inglese, si ha Bobby. Senza cognome, quindi… solo Bobby. Che diventa BOBBY SOLO! Giuro che non ho inventato nulla, ma nei lunghi anni di radio avevo memorizzato anche questa curiosità legata al cantante che ascolteremo oggi. Il suo successo è del 1964, e deve il tutto ad un’abbassamento di voce, che lo portò a mimare la canzone partecipante al festival di Sanremo di quell’anno facendo conoscere agli italiani il playback, e … aprendo la strada alle parole straniere! Se non stato stato chiaro, Bobby Solo fingeva di cantare, ma non se ne accorgeva nessuno da casa, perchè allora non si faceva caso a quanto succedeva al Festival. Negli anni successivi la cosa prese piede, al punto che furono sempre di più i cantanti che risparmiarono la voce evitando stonature e ricorrendo al playback. Bobby Solo non vinse Sanremo, ma spopolò nelle vendite con oltre un milione di dischi; la vittoria gli arrivò l’anno successivo con una canzone mediocre, continuazione della lacrima dell’anno prima, che si intitolava SE PIANGI SE RIDI. Ma Sanremo aveva un debito con lui, e glielo pagò un anno dopo, così come era avvenuto nel 1963, quando Tony Renis fu dichiarato vincitore con UNO PER TUTTE. Anche quella fu una vittoria per compensarlo del mancato primo posto del 1962 con QUANDO QUANDO QUANDO… Non ho detto ancora il titolo? pensavo che fosse scontato. UNA LACRIMA SUL VISO. E vediamo quanti voti rimedia oggi Bobby Solo…

Rispondi