Home / Musica / LA CANZONE DI OGGI, 9 APRILE, a cura di Radio Casa mia
Italpane

LA CANZONE DI OGGI, 9 APRILE, a cura di Radio Casa mia

SIAMO ALLA CANZONE N. 20, E CI PARE GIUSTO, DOPO VENTI SUCCESSI, TORNARE A PROPORVI UN ALTRO COMPLESSO… ECCO UN LORO SUCCESSO DELLA FINE DEGLI ANNI 70… 

I NEW TROLLS, nati come TROLLS nel 1966, sono i maggiori esponenti di una nuova corrente contrapposta al fenomeno beat, il rock progressivo. Formati inizialmente da Vittorio De Scalzi, Nico Di Palo, Giorgio D’Adamo, che firmavano i motivi interpretati, quindi da Mauro Chiarugi e Gianni Belleno, hanno visto avvicendarsi altri esecutori e musicisti, come Ricky Belloni, Alfio Vitanza e Giorgio Usai, protagonisti di uno storico concerto tenuto a Milazzo qualche anno addietro. Canzoni come DAVANTI AGLI OCCHI MIEI, VISIONI, UNA MINIERA, ANNALISA,  IO CHE HO TE, quest’ultima presentata nel 1969 al festival di Sanremo, sono abbastanza conosciute, ma non permisero mai alla band di toccare i vertici delle hit parade. E anche se fra le loro composizioni spiccano brani che costituiscono la base del rock progressivo e della musica psichedelica, come CONCERTO GROSSO, alla fine degli anni 70 la produzione dei New Trolls si orienta verso musiche di più facile impatto e popolarità. Nasce proprio nel 1978 una canzone che costituisce senza alcun dubbio il cavallo di battaglia del gruppo: QUELLA CAREZZA DELLA SERA. Contenuta nell’album ALDEBARAN, permette ai NEW TROLLS di raggiungere, finalmente, quel successo che per anni avevano inseguito. Il brano sarà anche inciso su un 45 giri, che contiene anche ALDEBARAN, e scalerà le classifiche di quell’anno. Il testo non parla del solito argomento, un amore, cominciato o finito, ma di un rapporto che viene a mancare proprio in un’età in cui si pensa di essere abbastanza grandi. La carezza è quella del padre, che non c’è più. Dove sia, la canzone non lo dice; ma chi ascolta, ed ha già una certa età, comprende che viene a mancare, in quella carezza data ogni sera, tutto l’amore che solo il padre può dare ad un bambino. E riaffiorano i ricordi, i rimpianti, le ore passate, gli anni che troppo veloci corrono via… e quella figura immensa, gigantesca, della quale ognuno di noi non può fare a meno… QUELLA CAREZZA DELLA SERA, i New Trolls. 

Rispondi