Home / Un saluto agli amici... / La signora SARINA CATANZARO raggiunge il figlio…

La signora SARINA CATANZARO raggiunge il figlio…

POCO PIU’ DI DUE SETTIMANE. Solo il 14 dicembre Mimmo Iannello se n’era andato per sempre, ed oggi anche lei, la mamma, si è incamminata per raggiungerlo. Nulla lasciava presagire questa irreale partenza, e nessuno credeva che nell’arco di sole due settimane il figlio e la mamma sarebbero andati via, lontani, prima di quest’anno che non ha smesso di segnare con lutti la vita di tutti noi! La signora SARINA CATANZARO, vedova di Francesco Iannello, mamma di Mimmo, di Pasquale, di Angela, è spirata nel cuore della notte. Vano l’arrivo dei soccorsi, che avrebbero voluto trasportarla in ospedale per un estremo tentativo. Decisa la signora Sarina, consapevole che quella corsa sarebbe stata inutile, a rimanere a casa sua, nel “suo letto”. Le ultime ore di vita, amorevolmente assistita dai suoi cari, l’hanno rasserenata, e lei già immaginava di raggiungere il suo sposo ed il primogenito, la cui scomparsa l’aveva profondamente segnata!

In poco più di un mese la comunità di Vaccarella piange la scomparsa di alcuni suoi figli: Giovanni Cambria, Ciccio Maisano, Mimmo Iannello, e adesso Sarina Catanzaro! Difficile rassegnarsi, se non si è sorretti dalla fede! Con la signora SARINA CATANZARO il rione perde una donna che custodiva tradizioni e ricordi di un passato lontano! Educatrice dei suoi figli e dei suoi nipoti, riferimento di tutto il vicinato, la ricordiamo circondata dall’affetto di tutti coloro, ed erano tanti, che le volevano bene. Continueranno ancora a volergliene, ne siamo certi. E passando davanti a quella porta, da quella casa, avremo un pensiero per lei, andata a raggiungere Mimmo troppo presto… Da lassù non sarà sola a proteggere Pasquale, Angela, con lei nella foto, e tutti i suoi cari, ai quali formuliamo le condoglianze del nostro giornale!

I funerali saranno celebrati domani, 31 dicembre, alle ore 15.30, nella chiesa di Santa Maria Maggiore. 

Commenti

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.