Home / Di tutto un pò / LAVORI A C… DI CANE!

LAVORI A C… DI CANE!

STRISCE RIFATTELE SEGNALAZIONI DEI LETTORI NON SEMPRE VENGONO PUBBLICATE IMMEDIATAMENTE, PER OVVI MOTIVI. MA SU QUESTA NON VOGLIAMO PERDERE TROPPO TEMPO… OCCORRE INTERVENIRE E RICHIAMARE AL RISPETTO DEI CAPITOLATI.

Alessandro ci invia una segnalazione, e non è la prima. L’ultima volta è stata per la perdita d’acqua, copiosissima, in via Ciantro. Un danno evidente alla rete idrica, ad una tubazione colabrodo, purtroppo dovuto all’usura, alla pressione: pubblicare la denuncia del lettore sarebbe stato superfluo – abbiamo pensato. Infatti da quella strada passano migliaia di auto, incluse quelle di politici, dirigenti, funzionari, tecnici comunali! Possibile che nessuno si accorga del danno? Magari, ci siamo detti, pubblicando la notizia potremmo sembrati assillanti nei confronti di chi aveva l’obbligo di riparare la perdita ed evitare lo spreco di milioni di litri di acqua! E magari lo avrebbe fatto prima della nostra eventuale pubblicazione. Invece no: niente di tutto questo. Lunghi giorni dovuti anche al numero irrisorio di personale che ha il compito di intervenire, e tappare, è il caso di dirlo, tutte le… falle!

Ma Alessandro ritorna alla carica. Consapevole che gli uomini e i mezzi del Comune sono al lumicino, non chiede conto della sua precedente segnalazione, ma denuncia, senza mezzi termini, che certi lavori vengono lasciati a metà. Non vengono mai ultimati… Aggiungiamo noi, evitando che sia il lettore a pronunciare frasi che molti condivideranno, vengono fatti ad muzzum. O per meglio dire, a “cazzo di cane”. Cosa c’entri il nobile membro dell’animale amico dell’uomo, non si sa, ma è così che si dice quando qualcosa non viene realizzato secondo gli schemi o, meglio ancora, nel rispetto delle regole. E forse anche del capitolato d’appalto. Cosa è successo? All’asilo nido di San Pietro erano state realizzate i passaggi pedonali e le scritte “SCUOLA”. Il giorno dopo, sicuramente autorizzati da tempo, sono stati effettuati degli scavi per la posa di cavi telefonici. Le scritte e le strisce hanno fatto una cattiva fine. Niente paura: quando riasfalteranno tutto verrà ripristinato. D’accordo, per il progresso questo ed altro. Ma mentre l’asfalto ha coperto la traccia scavata, delle strisce e della indicazione di SCUOLA nemmeno l’ombra. E’ così che funziona? Quindi il Comune, che ha speso denaro pubblico per realizzare la segnaletica, dovrebbe rifarla solo perchè una ditta ha ritenuto di non ripristinare l’esistente? E la spesa che sarà a carico del comune verrà, a sua volta, spalmata sui cittadini? Un bel modo di ragionare! Ma il capitolato d’appalto non prevede di ripristinare l’esistente? Se SI’, che venga chiamata all’ordine la ditta esecutrice dei lavori. In caso di lieve dimenticanza… potremmo pensare che si pecchi, e molto, di faciloneria e superficialità! E non si trova altro termine per definire certi lavori! Proprio a CAZZO DI CANE!!! Ci perdonino Boby o Fido!

(la foto non è stata scattata a San Pietro, ma è stata pubblicata per dimostrare, qualora ce ne fosse bisogno, che dopo avere riasfaltato una strada anche la segnaletica deve essere ripristinata…)

Rispondi