Home / Società / LE TELECAMERE? Ancora ligna cì mittìti? NON FUNZIONERANNO MAI!!!

LE TELECAMERE? Ancora ligna cì mittìti? NON FUNZIONERANNO MAI!!!

Videosorveglianza telecamere big-2OGNI TANTO QUALCUNO PRENDE SOTTOGAMBA LE NOSTRE ANTEPRIME, E PENSA CHE SIANO SOLO BUFALE (COME SI DICE ORA). O CAZZATE… E ALLORA RIPROPONIAMO QUANTO RICEVUTO A SETTEMBRE, VISTO CHE QUALCHE POLITICO LA PENSA COME NOI… 

Milazzo 12 settembre 2015

Al Direttore di TERMINAL

OGGETTO: Lavori per la realizzazione dell’impianto di videosorveglianza comunale.

Con riferimento all’articolo pubblicato il 4 settembre scorso, viene ribadito che i lavori di cui in oggetto dovevano essere completati entro il 31 maggio 2015. A nulla giova la dichiarazione resa dal boy scout di turno che inventandosi una fantomatica proroga sostiene che i lavori dovranno essere consegnati entro il mese di ottobre; siamo in presenza di uno “squallido giochetto delle tre carte” in quanto tale termine non può essere posticipato dal primo arrivato a proprio piacimento o convenienza. Il Ministero dell’Interno che ha erogato il finanziamento a costo zero per l’importo di € 300.000,00 a favore del comune di Milazzo, tra le tante cose e condizioni ha stabilito per convenzione anche il termine ultimo per la consegna dei lavori (31 maggio 2015). O forse ha emesso un decreto di proroga?

Per consegna dei lavori si intende che l’impianto deve essere completato e funzionante in ogni sua parte, deve essere fruibile da parte del Personale della Polizia Municipale e dalle altre Forze di Polizia, le quali possono avere libero accesso al verificarsi di fatti delittuosi o nello svolgimento di indagini. Ma in effetti non è così: l’impianto non funziona. Tutto ciò premesso, trattandosi di un pubblico appalto, al fine di fugare ogni dubbio chiedo tramite questo giornale al dirigente dei lavori pubblici arch. Natalia Famà, responsabile unico del procedimento, unico soggetto qualificato a fornire chiarimenti, di rispondere alla Cittadinanza sui seguenti quesiti:

• Comunicare il termine ultimo contrattualmente previsto per il completamento dei lavori;

• Se i lavori sono stati ultimati in tutte le sue parti;

• Se il Ministero dell’Interno ha concesso proroga sulla data di ultimazione, precedentemente convenuta.

Egregio Direttore ritengo, inoltre, che con questo andazzo c’è la concreta possibilità di perdere il finanziamento, in quanto se il Ministero dell’Interno venisse a conoscenza di queste squallide vicende procederà senza alcun indugio alla revoca del finanziamento. L’impresa appaltatrice, in ritardo con la consegna dei lavori, sembrerebbe che non ha percepito neanche una rata di acconto. Quindi in caso di revoca del finanziamento chi pagherà questi danni? A chi bisogna dare questo merito?

Si ringrazia per l’attenzione ricevuta.

Distintamente (segue nome e cognome)

Rispondi