Home / Comunicati / MAISANO: SIGNORI DELL’EDIPOWER, COSA E’ SUCCESSO IL 26?
Italpane

MAISANO: SIGNORI DELL’EDIPOWER, COSA E’ SUCCESSO IL 26?

Damiano MaisanoLETTERA DELL’ASSESSORE ALL’AMBIENTE DEL COMUNE DI MILAZZO, DAMIANO MAISANO (nella foto in un curioso atteggiamento e non mentre sta cantando ‘O sole mio) CHE VUOLE CONOSCERE IL PERCHE’ DELLE EMISSIONI…

Non scrive solo all’Edipower di San Filippo del Mela, ma anche all’ASP di Milazzo, all’ARPA di Messina, all’Assessorato Regionale alla Salute e all’Assessorato Regionale Territorio e Ambiente a Palermo, alla città metropolitana di Messina, all’ISPRA di Roma, alla Prefettura e alla Procura della Repubblica di Barcellona P.G..Cosa è successo per mettere in moto tutte queste istituzioni? L’emissione di fumi a partire dalla ore 14 del 26 dicembre scorso, giorno della festa di Santo Stefano. Fosse stato il giorno prima, avremmo pensato che all’Edipower stessero cucinando il pranzo di Natale. Ma a Santo Stefano, possibile che non sia rimasto niente del giorno prima? Generalmente a tavola vengono portati gli avanzi, i resti… Invece niente di tutto questo: le emissioni hanno “destato una significativa preoccupazione” (sono le parole usate dall’assessore Maisano nella sua lettera) “nella popolazione di questo comune”. Dunque, dobbiamo desumere che le popolazioni di altri comuni non si siano accorte di nulla! A meno che non ci abbiano fatto il callo, e non ci fanno più caso… L’Assessore chiede all’Edipower di fornire chiarimenti in merito, anzi si spinge oltre e vuole conoscere nei dettagli se le emissioni siano riconducibili a problemi di impianto o gestionali! Nel senso che, se si dovessero ripetere, fatecelo sapere prima, così provvediamo a chiudere le imposte per non fare entrare il fumo in casa. A meno che non voglia suggerire di limitare la circolazione nella città di Milazzo, o adottare le targhe alterne, perchè aumentando la soglia di emissione di polveri sottili, qualcuno deve pur essere penalizzato: l’industria no… fate un po’ voi i conti! La lettera, indirizzata anche agli altri enti o istituzioni, chiama in causa l’ARPA e l’ASP che dovrebbero fornire valutazioni in base alle informazioni (ossia NULLA) in loro possesso. Nel sollecitare un riscontro URGENTE, l’assessore porge i suoi saluti. A parte il tono satirico usato da TERMINAL, ci auguriamo che l’Assessore sia sempre attento alle problematiche ambientali del nostro comune e del territorio, e ci complimentiamo con lui per questo intervento, che avrebbe potuto passare inosservato! Bravo, Damiano!

Rispondi