Home / Comunicati / MESSINA CELEBRA LA FESTIVITA’ DELL’IMMACOLATA

MESSINA CELEBRA LA FESTIVITA’ DELL’IMMACOLATA

Uscita ImmacolataFRATI MINORI CONVENTUALI – BASILICA SAN FRANCESCO ALL’IMMACOLATA – MESSINA

Comunicato Stampa

“Messina onora la sua Patrona Particolare: la Vergine Immacolata “

Domani, Martedì 8 Dicembre, nella Solennità dell’Immacolata Concezione di Maria Messina renderà omaggio alla sua Patrona Particolare, così come fu proclamata nel 1647 dal Senato cittadino. Alle ore 10.00 il Rev.do Mons. Mario Di Pietro, Vicario Foraneo di Messina Centro, celebrerà la Santa Messa presso il Tempio di San Francesco all’Immacolata dei Frati Minori Conventuali mentre alle ore 16, sempre dalla chiesa di Viale Boccetta, partirà la processione dell’antico simulacro argenteo dell’Immacolata che percorrerà il consueto itinerario cittadino. Momenti altamente suggestivi saranno il passaggio della processione al Monastero di Montevergine con l’omaggio delle Suore Clarisse e l’arrivo dell’Immacolata alla Basilica Cattedrale con il momento di preghiera il Delegato per la Cattedrale Mons. Giuseppe La Speme. Nel corso della Novena è stata esposta in chiesa una reliquia di San Massimiliano Kolbe, il Martire dell’Immacolata, in vista dello speciale anno dedicato al 75° anniversario della morte.

Il culto alla Vergine Immacolata a Messina è molto sentito ed antico in quanto fin dal 1647 il Senato di Messina volle nominarla “Patrona Particolare” della Città di Messina oltre ad essere stata Patrona Principale del Regno delle Due Sicilie. Segno tangibile di questo forte legame devozionale al il titolo mariano dell’Immacolata Concezione è la veneratissima statua custodita nella Basilica francescana del Boccetta. Il simulacro fu realizzato in legno da ignoto scultore alle fine del seicento e rivestito interamente da una ricca ed elaborata lamina d’argento nel 1743 in occasione della conclusione di una tremenda epidemia di peste. L’interessante opera di arte e fede rimase miracolosamente indenne in occasione del catastrofico incendio del 1884, dell’immane terremoto del 1908 e dalle barbare bombe incendiarie anglo-americane del 1942-43.

per i frati Minori Conventuali

Dott. Marco Grassi

Rispondi