Home / Sport / MILAZZO, FESTA DELLA MAMMA ma senza fiori dell’AIRC

MILAZZO, FESTA DELLA MAMMA ma senza fiori dell’AIRC

UNA SCELTA PER NOI CRITICABILE, ANCHE PERCHE’ SI TRATTA DI UNA INIZIATIVA PER SCOPI BENEFICI E TENUTA IN PIAZZE ABBASTANZA AMPIE!

Per la prima volta, dal lancio dell’iniziativa del 1984, le Azalee della ricerca scientifica di Fondazione Airc sbarcano nelle piazze “virtuali” di tutta Italia impossibilitate dal contesto epidemiologico. In occasione della ricorrenza per la Festa della Mamma, domenica 10 maggio, la pianta con il fiore simbolo della lotta contro i tumori delle donne non colorerà le 3.700 piazze, quindi nemmeno Milazzo ed i comuni delle Isole Eolie, ma sarà disponibile in modo speciale, con lo slogan “Abbracciala con un fiore”, esclusivamente on line sulla piattaforma di e-commerce di Amazon.it, a fronte di una donazione di 15 euro.

Le delegazioni Airc (Associazione italiana per la ricerca sul cancro) di Milazzo presieduta dalla dr.ssa Rosa Trio f.f. (nella foto con Michelle Hunziker a Sanremo) e delle Isole Eolie della Presidente dr.ssa Rosanna Spadaro, con due comunicati separati, portano a conoscenza dei propri sostenitori che quest’anno non è possibile offrire in piazza il sorriso e la bellezza dell’azalea della ricerca, rivolgendo il pensiero a tutte le mamme e porgendo loro gli auguri più affettuosi.

Una scelta secondo noi criticabile, quella di non fare acquistare direttamente in piazza, alle postazioni dell’AIRC, le azalee e donare il nostro contributo! Il timore di assembramenti, sempre secondo noi, è infondato: si parla di “piazze”, non certo di vicoli o di stanzette 3 mt x 4 mt, e la sensibilità di chi si reca ad acquistare e donare è pari alla responsabilità che viene adoperata per limitare o tenere lontano il contagio. In fin dei conti, non si tratta di migliaia e migliaia di persone che fanno ressa. Così come appare criticabile, ma sempre secondo noi, la scelta di commissionare sul web una semplice piantina, simbolo di lotta al cancro, quando in Italia ci sono migliaia e migliaia di floricultori che sono costretti a gettare i loro fiori!

Meglio evitare di polemizzare: sappiamo di non essere soli… Meglio pensare solo a goderci le nostre mamme, fin quando ci sono. Per i fiori c’è tempo!

 
 
Commenti

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.