Home / Cultura / MILAZZO, GIOVEDI 27 DICEMBRE PRESENTAZIONE DEL LIBRO “LE ALI DI ALI'”.

MILAZZO, GIOVEDI 27 DICEMBRE PRESENTAZIONE DEL LIBRO “LE ALI DI ALI'”.

CONTINUANO LE INIZIATIVE DELL’ASS. CULTURALE TESEO. L’EVENTO SI TERRA’ PRESSO LA CHIESA DI S. ROCCO, CHE ALLE ORE 17, OLTRE ALL’AUTRICE LIDIA MASCI OSPITERA’ ANCHE UN CONCERTO DI ENZO AMATO E GIUSEPPE E FRANCESCO D’AMICO, CON LE LORO CHITARRE.
Gli uomini come gli alberi, hanno radici da cui possono elevarsi ed innalzarsi; se le portano dentro, dovunque vadano perché quello è il loro bagaglio, da cui attingere continuamente per sopravvivere. Certo, non sempre si è consapevoli di compiere una simile operazione, come quando si preleva l’acqua da un pozzo profondo: ma sono lì, ti costituiscono, ti fondano. Quanto può resistere una casa senza fondamenta? Ecco: la propria cultura, il deserto, il baobab-padre saranno la vera forza, che porterà Alì a superare tanta fatica e dolore. Infatti Assane, che ha vissuto con l’anima del poeta la sua esistenza e le sue radici le ha conficcate nei sogni, di fronte alla crudeltà della vita soccombe e si porterà dietro i suoi sogni, là dove possono vivere: in un mondo parallelo, nelle profondità del mare. Quel mare veicolo di legami, comunicazione, ma nei cui abissi noi ci ritroviamo come nelle profondità del nostro inconscio, che vive al di là di una vita cosciente. Questo apparente, piccolo libro presenta una spiccata vena poetica attorno al baobab possente, pilastro rigeneratore come tutti gli alberi del mondo, da cui dipende il nostro respiro.

Le ali di Alì è la storia di un viaggio, di un viaggio verso la promessa di un futuro migliore, verso la stabilità e la ricchezza. E la storia di Alì, un ragazzo senegalese che come tanti oggi cerca di attraversare mari e confini per raggiungere l’Europa. «Cammina sempre verso nord e arriverai da tuo zio Ibrahim che vive in Francia, a Marsiglia. Lui ti troverà un lavoro, ti darà ospitalità e, forse, ti presenterà una bella ragazza wolof» gli aveva detto il padre Mohamed. Non sapeva però, non poteva saperlo, che il viaggio sarebbe stato pieno di insidie, di sofferenza, di perdite, ma anche di nuove amicizie e nuovi amori. Questo romanzo affronta senza retorica un tema quanto mai attuale, mostrando l’altro volto dell’immigrazione, un volto fatto il più delle volte di speranze disattese e soprusi. Un volto che può diventare però anche quello della felicità, la felicità di chi ce l’ha fatta.

LIDIA MASCI, autrice del libro, è nata a Brescia, ha insegnato amando profondamente il suo lavoro. Instancabile viaggiatrice, ha esplorato il mondo alla ricerca dell’essenza delle cose e della loro magica diversità. Giovedì 27 dicembre alle ore 17 sarà a Milazzo. Il presidente dell’Ass. TESEO, dott. Attilio ANDRIOLO, ha puntato su di lei per affrontare i temi dell’immigrazione, e si preannuncia una serata interessante e ricca di colpi di scena, con la partecipazione di alcuni immigrati, accolti nella città di Milazzo, che racconteranno le loro storie.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.