Home / Eventi / MILAZZO, GRANDISSIMO SUCCESSO DEL GELATO GASTRONOMICO AL CAPO!
Italpane

MILAZZO, GRANDISSIMO SUCCESSO DEL GELATO GASTRONOMICO AL CAPO!

Per volontà di Gianfrancesco Cutelli, Chocofair e Conpait Gelato l’evento che si è tenuto a Milazzo il 21 luglio organizzato da Slow Food Sicilia – che ha coinvolto importanti eccellenze dell’enogastronomia nazionale – diventerà un appuntamento annuale nella città mamertina dedicato alle avanguardie del gelato italiano.

E’ iniziata con un tramonto rosso fuoco in uno dei luoghi più suggestivi dell’isola, nella più piccola delle cantine allestita 5 anni fa dal gruppo Planeta e che guarda come un trampolino di viti al vulcano di Stromboli, la serata speciale dedicata a una originale valorizzazione dei profumi e dei sapori della Sicilia messinese. Decine di tavoli hanno popolato il “giardino dei giusti” della Tenuta Barone Lucifero di San Nicolò, data in gestione da diversi anni ad un progetto di educazione libera residenziale, che poggia tutta la sua forza sull’idea che ai bambini vada insegnata la conoscenza e la difesa della biodiverità e vengano pesate le competenze per sfruttare i frutti della terra, rispettando la natura e la bellezza. Il menù è stato costruito dallo chef emergente Davide Guidara (Best in Sicily 2017) in concordato con i maestri gelatieri Gianfrancesco Cutelli della pluripremiata Gelateria de Coltelli di Pisa, Giovanna Musumeci, della storica Pasticceria Gelateria Santo Musumeci e da altri tre esponenti di spicco della Conpait Gelato nazionale (Osvaldo Palermo di Arese, Rosario D’Angelo di Milazzo e Fulvio Massimino di Acireale). L’evento era a stretta prenotazione per necessità di spazi ed il sold out è arrivato a una settimana dalla data di realizzazione, centinaia sono state le telefonate nei giorni successivi da persone che hanno cercato invano di accreditarsi all’evento.

Il panificatore Francesco Arena, appena insignito del prestigioso titolo di Ambasciatore italiano del Gusto, ha preparato un pane a base di grani antichi siciliani che ha accompagnato tutte le pietanze, una focaccia di Russello Ibleo che ha chiuso lo speciale antipasto italiano a base di Prosciutto di Nero deio Nebrodi e granita sapita di Cantalupo messinese, inoltre il suo taglio speciale di maccheroni di Tumminia, hanno stupito nell’accostamento del gelato di formaggio Maiorchino di Santa Lucia del Mela, realizzato con perizia dal lombardo Osvaldo Palermo. L’antipasto fresco di pomodoro giallo, verde, nero con crema di mandorle e granita di pomodoro rosso, realizzata da Giovanna Musumeci, è stato accompagnato dal Brut di Carricante della Planeta. L’azienda vinicola sicliana era presente con il suo brand ambassador Dario Piluso, che ha raccontato l’esperienza delle microvendemmie di Capo Milazzo e ha abbinato un Grillo in purezza al primo piatto e ha stappato l’innovativo Nocera 2015, un vino prettamente milazzese, recuperato nelle attività della difesa di biodiversità della cantina.

Dopo un secondo a base di melanzana arrostita in negativo e composto col sorbetto di pistacchio di Bronte con capperi di Salina e origano capiciano del maestro Cutelli si è passati all’esaltazione del gelato di massa. La Domori ha donato per la serata due monorigini aromatiche che sono state plasmate in sorbetto e gelato da Gianfrancesco Cutelli, col suo gelato al cioccolato di Sur del Lago con uvetta di Pantelleria imbevuta di wisky torbato, e da Rosario D’Angelo con il suo gelato di massa Apurimac con crumble di arachidi, salsa di lamponi e pepe Sichuan. La chiusura ha rispettato perfettamente le antiche  tradizioni gastronomiche locali: nel 1723 la Sicilia era infatti una delle patrie indiscusse del cioccolato europeo e nello statuto della Camera dei Ciucculatari di Palermo, che regolamentava il lavoro dei professionisti a l’epoca riconosciuti come categoria tutelata, sono presenti le indicazioni per l’uso della massa pura di cacao ed è certo che chi preparava a ciucculata fredda all’epoca non usasse il cacao in polvere, introdotto solo nel 1826 in Olanda, bensì massa di cacao pura spremuta a mano dai mastri ciucculatari.

Il ricavato della serata è andato in parte a sostegno delle attività per i bambini con disagio che sono ospiti semiresidenziali di Gigliopoli, in parte a sostengo dell’ultimo ciucculataru errante d’Europa, Don Luigi Baglieri di Modica, a cui è stato dedicato il premiato film documentario di Ivano Fachin “Pasta Amara”, e che oggi ottuagenario versa in condizioni economiche poco confacenti ad un pezzo così importante della storia del cioccolato italiano. Il seguito ottenuto e la grande partecipazione emotiva degli intervenuti ha convinto i registi della serata a renderlo un appuntamento annuale più strutturato. Ad oggi in Italia il gelato d’avanguardia non ha una terra che lo accolga, Milazzo ha dimostrato di meritare la possibilità di dargli una patria.

Nei prossimi mesi la collaborazione tra l’operatore Chocofair Andrea Mecozzi, il maestro Gianfrancesco Cutelli, la Conpait Gelato e Slow Food Sicilia darà nuovi e stupefancenti novità.

Per info: comunicazione@chocofair.org – Martina Imbesi cell. 3478511757

Rispondi