Home / Di tutto un pò / MILAZZO, OPERATORI ECOLOGICI: RISPUNTA UNA MORTIFICAZIONE CHE CREDEVAMO SCOMPARSA

MILAZZO, OPERATORI ECOLOGICI: RISPUNTA UNA MORTIFICAZIONE CHE CREDEVAMO SCOMPARSA

UN AMARO COMMENTO DI UN LETTORE (CHE SIA IL SOLITO PAOLO, NON LO SAPPIAMO…). E UNA CONSIDERAZIONE ANCORA PIU’ AMARA, UNITA AD UN SENSO DI SFIDUCIA E DI RASSEGNAZIONE…

E’ vero, mancano i contenitori; problemi di sostituzione con quelli forniti dalla nuova ditta che dovrebbe provvedere a dotare la città di nuovi cassonetti, visto che chi effettuava la raccolta fino a poco tempo fa ha ritenuto giustamente di riprendersi i suoi. Ma chi viene penalizzato? I cittadini? Nemmeno per sogno! Quelli continuano a gettare i rifiuti a qualsiasi orario, ovunque capiti…

Mi sono vergognato ieri mattina, quando alle ore 10 ho visto gli operatori ecologici, in via col. Magistri all’incrocio con la via Ten. Minniti, raccogliere i rifiuti depositati per terra! Operazione continuata per tutta Milazzo, poichè alle ore 11.30 analoga raccolta avveniva in via Tindaro La Rosa subito dopo il Lido Azzurro! Alle 11.30!!! Con le auto che subivano rallentamenti nonostante l’ora avanzata! Ma voi ci pensate? Lavoratori COSTRETTI A RACCOGLIERE CON LE MANI MIGLIAIA DI SACCHETTI SPARSI PER TUTTA LA CITTA’, con gli autocompattatori che circolano fino a mezzogiorno ed oltre. Certamente chi, con una mossa azzardata, ha ritenuto di rientrare in possesso dei propri beni (anche il contenitore è un bene…), riprendendosi i cassonetti dalle strade cittadine non pensava che si sarebbe arrivato a questo! In attesa della differenziata, che non risolverà i problemi nonostante i proclami di fantomatici raggiungimenti di percentuali che altre realtà hanno ottenuto BEN VENTI ANNI ADDIETRO (il decreto Ronchi è del 1997, quindi noi ci stiamo muovendo con notevolissimo ritardo…) i cittadini si aggirano smarriti con i sacchetti dei rifiuti in mano, depositando ovunque capita la loro produzione quotidiana, che non potrà essere contenuta da un misero bidone che, al limite, poteva servire per unità immobiliari abitate da tre o quattro famiglie (visto che la raccolta viene effettuata tre volte alla settimana). Non ci sarà più spazzatura per le strade? Evidentemente chi ci governa si è abituato alla sporcizia che regna sovrana (perchè non fare un giro per controllare?)…

Ma non è il solo disagio che viviamo in questa città, ormai destinata a soccombere sotto i colpi mortali di decisioni che non tengono conto delle esigenze dei cittadini, della collettività. Una città nella quale nessuno si ribella, poichè appaiono normali l’ingiustizia, la prevaricazione, la prepotenza, l’illegalità!

Diminuiscono i cassonetti, ma in compenso aumentano gli ambulanti agli angoli delle strade: nessun controllo nemmeno lì. Eppure ci sono delle regole da rispettare, delle leggi dello stato (una su tutte, la mancanza di pubblicità dei prezzi), delle ordinanze fatte valere in passato, ed ormai cadute nel dimenticatoio!

Aumentano le occupazioni di suolo pubblico, regolarmente autorizzate nonostante siano posizionate su attraversamenti pedonali che scompaiono come per incanto, lasciando interdetto il pedone che deve passare IN MEZZO ALLA STRADA e rischiare di farsi mettere sotto da qualche macchina!

Ma nessuno interviene: chi si deve lamentare, lo fa tramite il vostro giornale, secondo quel che leggo. E siamo in tanti a farlo!

Aumentano anche i cani al guinzaglio, che vengono condotti a spasso da padroni incuranti se il proprio animale ha defecato davanti all’ingresso di un’abitazione; tanto, mica è sua la cacca… semmai del suo cane.

Eppure ci sono i mezzi per garantire vivibilità in questa città. Perchè non vengono messi in pratica? No, non venitemi a ripetere la solita solfa… siamo grandi e vaccinati.

Diminuiscono in compenso i consiglieri comunali che sostengono questa amministrazione, prossima al giro di boa, tra pochi giorni. Non ci sarà da rallegrarsi o sperare meglio per i prossimi due anni e mezzo, se le premesse sono state queste!

Qualcuno paventa la mozione di sfiducia, decisione che spetta ad un consiglio comunale che deve trovare il coraggio e la forza di compiere il passo decisivo. Purtroppo la legge elettorale attribuisce determinati poteri solo ai consiglieri: in una democrazia in cui il popolo dovrebbe essere sovrano, non sarebbe stato male prevedere una mozione di sfiducia proveniente dalla base, dagli stessi elettori. Anche perchè, diciamolo chiaramente, non mi pare che OGGI siano rimasti in tanti a confermare la fiducia a questa amministrazione, nata all’insegna del SEMPLICE ma deludente sotto ogni punto di vista! E se dovesse tornare un nuovo Ponzio Pilato a porre alla folla il quesito, lo stesso governatore non si laverebbe le mani! VOTEREBBE ANCHE LUI

P.S.: Non tragga in inganno il riferimento al Governatore: non si tratta di Musumeci. Ma anche se fosse? Intanto anche oggi gli operatori ecologici continuano a raccogliere i rifiuti con le mani. Una mortificazione che non fa parte del loro lavoro… Finirà anche questo? Speriamo presto! Grazie per l’ospitalità… 

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.