Home / Di tutto un pò / MILAZZO, POSIZIONATO IL BLOCCO SUL QUALE NASCERA’ LA SCULTURA
Italpane

MILAZZO, POSIZIONATO IL BLOCCO SUL QUALE NASCERA’ LA SCULTURA

IL MAESTRO ANTONELLO PICCIONE NEI PROSSIMI GIORNI ULTIMERA’ IL SUO LAVORO. INAUGURAZIONE PREVISTA PER IL 31 AGOSTO.

Le migliaia di persone che in questi giorni hanno transitato nel porto di Milazzo, avranno senz’altro notato che l’aiuola attorno alla quale si smista il traffico verso varie direzioni ha un nuovo inquilino: un enorme masso, diverso da quello posizionato prima, del peso di oltre sei tonnellate e dell’altezza di quasi quattro metri: un nuovo gigante che a giorni sarà arricchito delle fusioni in bronzo, frutto delle idee e della genialità del Maestro Antonello PiccioneIl Maestro Antonello Piccione, che da decenni opera a Milazzo, sta procedendo nella realizzazione di un’opera nella quale lo stesso credeva da tempo. Un’opera ritenuta necessaria per conferire un aspetto più signorile alla città di Milazzo, e un modo per ringraziare gli stessi Milazzesi dell’affetto e della stima che, dal giorno del suo arrivo con il suo laboratorio orafo e le sue preziose ed esclusive creazioni, non gli fanno mancare. Nessuna pubblicità sul manufatto, che riconduca al suo laboratorio, solo la firma che rimanda a futura memoria, come si conviene. E lo stesso Piccione ci dice che il tutto sarà reso possibile grazie alla partecipazione di una generosa benefattrice, la signora Giuseppa Camera Cappuccio, che ha voluto acquistare i materiali necessari per permettere la realizzazione di un monumento di grande significato storico e rilievo decorativo. Senza trascurare il ruolo del Comune di Milazzo, ovviamente, e quello di altri amici, che hanno prestato gratuitamente la loro opera e meritano una doverosa citazione su questo giornale: alludiamo alla ditta Natale Consoni, alla ditta Saporita Trasporti, alla ditta Raffaele Puca Costruzioni, artefici dei lavori edili, meccanici e di posizionamento del basamento. 

Proprio alcuni giorni fa è stato posizionato il blocco del peso di 6500 chili, sul quale verrà montato il lavoro bronzeo realizzato da Antonello Piccione. “L’ho smussato quanto basta per avere la possibilità, subito dopo Ferragosto, di posizionare l’altorilievo in fusione di bronzo, dal peso di 287 chilogrammi, che rappresenta l’emblematico fregio che si staglia sulle mura del castello: uno scarabeo secondo alcuni, gli occhi di Milazzo secondo altri. È, in ogni caso, un simbolo che affascina e appassiona molti studiosi, per i quali non si tratterebbe di un semplice decoro, ma di un antichissimo e complesso strumento astronomico“. La “svelatura” dell’opera dovrebbe avvenire il 31 agosto. Un bel regalo alla città, proprio nei giorni dei festeggiamenti in onore del Santo Patrono, S. Stefano Protomartire. 

1 Commento

  1. antonio veritas

    Rivoglio l’aquila della piazza stazione….. dov’è??????

Rispondi