Home / Di tutto un pò / MILAZZO, SUL LUNGOMARE CI SONO ALBERI PARLANTI!

MILAZZO, SUL LUNGOMARE CI SONO ALBERI PARLANTI!

DIALOGO SEMISERIO E IN DIALETTO. ANCHE LORO SI LAMENTANO… E sì, così trascurati, anche loro hanno diritto di parola e ci è proprio parso di sentirli lamentare.

“Ehi, mi senti?”

“Si…ti sentu…chi ti succidiu?”

“Ma chi tindi pari? Iò non cià fazzu ‘cchiù ‘cù tuttu stu pisu supra ‘o troncu. Sti brazza spoggiunu comu mai avia succidutu. Iddi crisciunu-crisciunu e nuddu chi ci pensa a fari cacchi cosa pi darindi rispiru”

“Ma, scusa, chi vulissi ‘u tò cori?”

“Bedda frischizza chi ha, tu non si stancu di puttari tuttu sta ramagghia? A natura voli puru pulizia! Ti pari bellu chi passa ‘u camiu da mundizza tuttu fitusu e si strica a beddu cori? Passunu chi cestelli e mi lazzariunu tuttu e poi puru l’aspettu voli cuntu. Vadda comu semu ridduciuti”

“E alluraiò c’avissi ‘a diri…stricu quasi cà chiesa ‘i San Giacumu e mà sèntiri missi e rusari dà matina finu a sira… m’aia ‘nzuppari tuttu ddu buddellu di machini a munzeddu avanti ‘e ristoranti; cacchidunu ogni tantu mi lassa un bisogninu e ti lamenti tu c’ammenu si n’a pichitta chiù figghiolu?”

”E picchì, e tutti ‘ddì suriciuni chi passunu d’un ramu all’autru e fannu scappari a genti, ti pari picca?”

“Ah, erunu autri tempi quandu Maimuni si tirava a lenza, facìa a lìnia ‘n’terra e poi, botti d’accetta e motosega, ‘ndi facia ritti comu ‘na pertica e belli puliti e liggeri pronti pì l’annu dopu. Bravu cristianu, travagghiaturuni, non sgarrava mai n’annata”

“Ma ora chi vò chi fannu ddù povirazzi senza mezzi e suli-suli? Ci avissiru a dari ‘na midagghia pi chiddu chi fannu! Ci vulissi ‘nu squadruni ‘cu tanta luddia chi c’è pedi pedi. E c’è puru ‘u fattu ch’i lampiuni fannu luci sulu ‘ntò menzu di rami, non mi fannu dommiri e ‘nto mentri a strata iè tutta ‘o scuru…”

“E no! Pi cchistu aviti raggiuni ma si ci fussiru testi pinsanti livassiru prima tutti i piriculi e poi pensiriunu ‘o restu. U sapiti chi l’autra notti mi sintia mali ‘cu tuttu ‘ddu ventu? Mi passi chi d’un minutu all’autru m’avissi sdirrupatu ‘nterra e chi mi rumpia cacchi brazzu… o putìa ‘mazzari ‘a caccdi d’unu…”

“Ma tantu a cuppa non era ‘a tò, ‘u giudici poi ‘u sapia ‘cu cù si ll’avìa ‘a pigghiari”

“Cetti voti mi veni di fari comu all’abbirudi Melinda chi si suggi ‘cù tutti i radici, camina campagna-campagna e si ndi va ‘nta Piazza a protistari”.

“Basta, ora finemula ‘cù sti lagni, lassamu stari sti dù figghiuleddi chi si sittaru giustu ora, sutta a nostra umbra. Cu sapi si iddi hanno tutti sti pinseri pà testa; megghiu chi pensunu a crisciri, pi sti cosi non manca occasioni……. “

Il tono ironico non inganni. Si è data voce alla NATURA solitamente vituperata dall’uomo memori che quando ne ha fin troppo si ribella per far capire chi ha lo scettro in mano. Meditare giova!

A parte ciò, la situazione è veramente critica poiché, al di là del fatto estetico, da non trascurare, non è improbabile che in occasioni particolari possa venir giù qualche albero fra quelli oggi “dialoganti” essendo stracarichi fino all’inverosimile. La foto è eloquente, la chioma si estende ben oltre la mezzeria della Via F. Crispi con uno sbraccio di almeno sei metri in un groviglio inestricabile.

Ora un invito caloroso: non sia mai che, prendendo spunto da questa ironica segnalazione, domani o appena dopo, si faccia accetta-accetta- Sarebbe un delitto come quello del quale il solito UOMO si è macchiato in Piazza Sacro Cuore; in Via Umberto I°; in Via Acquaviole, in via XX Settembre, in via Col. Magistri, in Via delle Gelsominaie, Via De Gasperi; al Ciantro nell’area della vecchia stazione ferroviaria (e chi più ne ha più ne metta)  e… quasi sempre, per interessi che non coincidevano con quelli della collettività.  Non ci sarebbero alberi… pardon…alibi ai quali aggrapparsi.

10 novembre 2018

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.