Home / Di tutto un pò / MILAZZO, UN ALTRO INCIDENTE AL SOLITO INCROCIO
Italpane

MILAZZO, UN ALTRO INCIDENTE AL SOLITO INCROCIO

Diventerà una regola uscire da quello STOP e andarsi a scontrare con un’altra autovettura che, percorrendo la via San Giovanni, ritiene, e giustamente, di avere la precedenza! Certamente, ce l’ha, ma dopo gli incidenti accaduti negli ultimi giorni, l’incrocio tra via Col. Bertè (ma il senso di marcia non doveva essere da Piazza Sacro Cuore fino a Via Risorgimento?) e la via San Giovanni, invertita per agevolare la discesa fino al porto e al centro di Milazzo, deve essere di monito a quanti (e sono tanti) dall’asse viario sfrecciano come bolidi per fermarsi alla rotatoria di via dei Mille! Autocarri inclusi, anche se c’è il divieto!

E’ di oggi l’ultimo incidente, con le due autovetture fotografate da un lettore che le immortala per una pubblicazione, e per ricordare che AGLI INCROCI OCCORRE PROCEDERE CON PRUDENZA, anche se si ritiene di avere la precedenza e l’altro veicolo ha lo STOP!

Danni per le auto, e fino a qui tutto bene… si riparano. Diverso quando ci sono danni ai conducenti o ai trasportati, con colpi di frusta che fanno aumentare la prognosi, e danno il via a risarcimenti a svariati zeri, o all’invalidità, senza tuttavia valutare se ci sia stato il pieno rispetto delle norme che obbligano ad indossare le cinture di sicurezza, o a non parlare al cellulare! Il traffico, come al solito, dopo un incidente in quell’incrocio si blocca fino a quando non arrivano le forze di Polizia (che siano Vigili Urbani, Carabinieri o PS poco importa) ad effettuare i rilievi e a disporre lo spostamento dei veicoli!

Ma visto che prevenire è meglio che curare… già, perchè ripetere alla nausea la solita cosa? Abbiamo auspicato un giro di vite, un controllo più serrato, una marea di contravvenzioni, una continua segnalazione per decurtare punti dalle patenti… è impensabile che si corra ai ripari solo dopo che in quell’incrocio, come in altri, possa scapparci il morto! Magari qualcuno chiamerà in causa i responsabili della viabilità per omissione di atti d’ufficio… ma non servirà a riportare in vita il morto!

Forza, siamo in attesa delle foto che riprendano il prossimo incidente! Sotto a chi tocca!!! 

Rispondi